Politica

Consorzio Asi, anche il sindaco di Ostuni esprime dubbi sull'accorpamento

La proposta dell'assessore regionale Delli Noci: Brindisi insieme a Lecce, Taranto, Foggia e Bat. Le dichiarazioni di Guglielmo Cavallo

OSTUNI - Dopo il "no" compatto del Consiglio comunale di Brindisi alla proposta di accorpamento dei Consorzi Asi (Area sviluppo industriale) avanzata dall'assessore regionale Delli Noci, anche il Municipio di Ostuni esprime dubbi sull'ipotesi. Il sindaco Guglielmo Cavallo annuncia che durante la prossima seduta del consiglio comunale - che si terrà verosimilmente a marzo - si discuterà dell'argomento.

Intanto il sindaco Cavallo spiega a BrindisiReport che ha potuto conoscere la proposta di legge proprio da Delli Noci, durante un incontro con i sindaci. "Secondo me - è la posizione di Cavallo - questa riflessione andrebbe fatta a livello regionale. Perché ogni comune che ricade nella zona Asi è come se cedesse parte del proprio territorio, per cui questa centralizzazione è giusto che sia discussa. Io, personalmente, non sono molto d'accordo. Queste agenzie regionali non funzionano".

Il Consorzio Asi di Brindisi, oltre al capoluogo, comprende anche Ostuni, Francavilla Fontana e Fasano. Il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi ieri (22 febbraio) ha annunciato che lo schema di bilancio sta per essere approvato a breve, con una chiusura in attivo di 900mila euro. Il sindaco Cavallo ricorda che nel giro di poco tempo dovrebbero andare in porto due progetti che riguardano l'area di Ostuni: l'installazione di un circuito di video-sorveglianza e il completamento di fogne, marciapiedi e altre opere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consorzio Asi, anche il sindaco di Ostuni esprime dubbi sull'accorpamento

BrindisiReport è in caricamento