rotate-mobile
Politica Ostuni

Tanzarella-Pd: è quiete dopo la tempesta, reintegrati i tre assessori

OSTUNI – Dopo dieci giorni di battaglia il sindaco Domenico Tanzarella e i vertici cittadini del partito democratico firmano la pace. Stamane la riconsegna formale delle deleghe ai tre amministratori che ne erano stati privati. Il primo cittadino nel tardo pomeriggio di ieri ha incontrato infatti gli assessori “congelati”del Partito democratico (Francesco Francioso, Agostino Buongiorno e Andrea Pinto) alla presenza del coordinatore cittadino (Silvestro Iaia) e del capogruppo della stesso partito (Vincenzo Pomes). Tanzarella “ha voluto ribadire la necessità di ristabilire un clima di serenità e collaborazione all’interno dell’esecutivo”.

OSTUNI - Dopo dieci giorni di battaglia il sindaco Domenico Tanzarella e i vertici cittadini del partito democratico firmano la pace. Stamane la riconsegna formale delle deleghe ai tre amministratori che ne erano stati privati. Il primo cittadino nel tardo pomeriggio di ieri ha incontrato infatti gli assessori "congelati"del Partito democratico (Francesco Francioso, Agostino Buongiorno e Andrea Pinto) alla presenza del coordinatore cittadino (Silvestro Iaia) e del capogruppo della stesso partito (Vincenzo Pomes). Tanzarella "ha voluto ribadire la necessità di ristabilire un clima di serenità e collaborazione all'interno dell'esecutivo".

Ne è scaturito un documento congiunto, che pone fine (almeno per ora) allo scontro venutasi a creare alla vigilia di Capodanno, a seguito dell'approvazione da parte dell'esecutivo dell'istanza di mobilità di un operaio ostunese (genero del consigliere comunale dell'opposizione, Vito Semerano), accolta nella seduta di Giunta del 30 dicembre scorso, nonostante il voto contrario dei tre assessori Democratici (che il giorno dopo venivano "spogliati" delle rispettive deleghe).

"Il rapporto fra sindaco e assessori - si legge nella nota di ieri che segna la pax - deve basarsi sul dialogo continuo, evitando, come è successo lo scorso 30 dicembre, di affrontare i problemi con posizioni di intransigenza e incomprensione. Il rapporto è basato sulla fiducia che non può venir mai meno. Il Coordinatore e il capogruppo del Pd hanno a loro volta ribadito che il rapporto tra assessori e sindaco è fiduciario, seppur il ruolo politico, oltre che amministrativo, presuppone una consultazione con il proprio organo politico".

Da qui le basi per ripartire. "Le ragioni e le prospettive del Centrosinistra che amministra Ostuni sono a fondamento di un impegno che deve proseguire per il bene della città e dei suoi cittadini. Il sindaco e il Partito democratico si impegnano a proseguire l'esperienza di governo beneficiata dal consenso dei cittadini, nonché dai risultati amministrativi raggiunti.

Nei prossimi giorni proseguiranno gli incontri, come programmato, tra il sindaco, il partito Democratico, il Partito socialista, Ostuni che Lavora, Tanzarella per Ostuni e Progetto città per definire l'assetto amministrativo e l'aggiornamento e puntualizzazione del programma a suo tempo presentato alla città". Nella mattinata di domani la firma del nuovo decreto di nomina, che segnerà il reintegro dei tre assessori Pd. A seguire la verifica. E sarà un'altra partita.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tanzarella-Pd: è quiete dopo la tempesta, reintegrati i tre assessori

BrindisiReport è in caricamento