Venerdì, 22 Ottobre 2021
Politica San Vito dei Normanni

San Vito: prime ipotesi sui nomi degli assessori della giunta Conte

Toto assessori impazzito a San Vito dei Normanni, dove è attesa per venerdì la giunta di Mimmo Conte, trainata dal Pd, dopo vent’anni di centrodestra: al Comune potrebbe tornare Vito Masiello, ex sindaco, in pole per la delega al Bilancio, materia non semplice da gestire tenuto conto dei rilievi mossi dai revisori dei conti, e per diventare anche sindaco in seconda

SAN VITO DEI NORMANNI – Toto assessori impazzito a San Vito dei Normanni, dove è attesa per venerdì la giunta di Mimmo Conte, trainata dal Pd, dopo vent’anni di centrodestra: al Comune potrebbe tornare Vito Masiello, ex sindaco, in pole per la delega al Bilancio, materia non semplice da gestire tenuto conto dei rilievi mossi dai revisori dei conti, e per diventare anche sindaco in seconda. Il suo nome riecheggia nelle sedi dei partiti e delle liste che hanno sostenuto Conte alle ultime amministrative, sino ad ottenere la vittoria al ballottaggio con il 69,74 per cento su Silvana Errico espressione della coalizione di centrodestra. Se l’indiscrezione dovesse rilevarsi veritiera, per Masiello si tratterebbe di un revival a tutti gli effetti, dal momento che il funzionario di banca sanvitese manca dalla scena politico-amministrativa dal 2000.

Nel 2002 è stato nominato commissario della sezione cittadina dell’Udc per poi avvicinarsi al centrosinistra e  farsi vedere accanto a Conte, sino a maturare la decisione di candidarsi nella civica “San Vito cambia verso”, ottenendo 73 preferenze. Poche se paragonate a quelle ottenute dagli aspiranti consiglieri della lista del Partito democratico che sembrano non essere proprio soddisfatti della scelta ricaduta su Masiello che però sembra godere della fiducia del sindaco, al punto da essere ritenuto persona vicina, l’unica peraltro in grado di gestire le finanze comunali non proprio in ottime condizioni se il collegio di controllo interno ha bacchettato il ricorso alle anticipazioni di cassa della precedente giunta Magli.

Domenico Conte 1-2Difficili i rapporti tra il primo partito del gruppo e le liste civiche, per la distribuzione dei cinque posti nell’esecutivo: in casa Pd sarebbero in attesa di “chiamata” per entrare in giunta, Valerio Longo che di preferenze ne ha ottenute 307 ed Enzo Francavilla, attuale segretario cittadino del partito, che ne totalizzate 255. Un riconoscimento dovrà essere dato anche alla lista Noi a sinistra per la Puglia, dove spunta il nome dell’architetto Vincenzo Sardanelli, arrivato a 153 voti: i rumors lo indicano come possibile assessore all’Urbanistica. Ma questa delega, unita alle problematiche annesse alla tutela dell’Ambiente, potrebbe essere assegnata a Giovanna Sabatelli, ingegnere ambientale, espressione del Partito democratico, risultata la più suffragata delle donne con 177 voti.

E’ comunque certo che il neo proclamato sindaco Mimmo Cone intende avere due rappresentanti del gentil sesso nella squadra di governo cittadino. L’altro nome che circola negli ambienti politici sanvitesi è quello di Ilaria Oliva, candidata nella lista del primo cittadino, Con Te, dove ha ottenuto 62 preferenze.

Impossibile riuscire ad avere conferme dal sindaco, oggi impegnato a Ostuni: “Il giro di consultazioni non è ancora terminato”, si limita a dire Mimmo Conte. “La composizione della giunta sarà resa nota entro questa settimana. Ancora un po’ di pazienza”. Intanto il toto-assessori prosegue.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Vito: prime ipotesi sui nomi degli assessori della giunta Conte

BrindisiReport è in caricamento