rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Politica

"La normalità è la forza della candidatura di Riccardo Rossi"

Ieri sera di ritorno da Roma ho guardato i video della presentazione del candidato sindaco Riccardo Rossi da parte della coalizione di Liberi e Uguali, Brindisi Bene Comune e PD

Ieri sera di ritorno da Roma ho guardato i video della presentazione del candidato sindaco Riccardo Rossi da parte della coalizione di Liberi e Uguali, Brindisi Bene Comune e PD. Ho ascoltato le parole dette, guardato i volti delle persone presenti, letto i commenti… tutto così straordinario nella sua “normalità”. E mi sono detta: forse la forza di questa proposta sta proprio nella sua normalità, forse è questa la forza della normalità. Mi è sembrato un augurio, mi ha dato speranza.

Niente fuochi d’artificio, effetti speciali, strilli di tromba… niente promesse. Un’idea di sviluppo, ancora da declinare con il necessario coinvolgimento della cittadinanza.  Alcuni punti fermi sul modo di intendere la politica e la gestione della cosa pubblica. La dichiarazione di poche ma chiare condizioni d’essere (il cosiddetto “sine qua non”). E un ultimo importante invito a partecipare, perché Brindisi siamo noi e tutti insieme potrebbe essere più facile agire il cambiamento.

Tutto qui? Tutto qui. Straordinario, appunto, nella sua normalità. Come straordinario nella sua normalità è (o dovrebbe essere), in una democrazia, l’esercizio di un diritto o il suo esatto contrario e cioè la pratica di un dovere. Normale il diritto al lavoro ma anche alla salute, il diritto alla casa ma anche agli spazi comuni, il diritto all’assistenza ma anche alla cura. Normale il dovere alla partecipazione, al voto, alla costruzione del nostro oggi. Per ricominciare a parlare di futuro. Normale il diritto ad avere fiducia. Per riappropriarsi della speranza.

Normale e straordinario, appunto. Come le donne e gli uomini presenti, normali ma straordinari nel voler mettere in gioco se stessi, le proprie competenze, il proprio tempo e le proprie energie. Cittadini al servizio di cittadini. Effetti  moltiplicatori, potenziali effetti moltiplicatori di un agire proattivo, sano. Difficile. Certo. Com’è sempre difficile quando ci sono da comporre visioni diverse, eterogeneità. Difficile ma possibile. Perché comune la visione, comune l’obiettivo, comune il desiderio. Un ritorno ad una straordinaria normalità per la città, per Brindisi. Sarebbe già un passo da giganti. Sulla strada del fare. Lontani da quella del dire, del parlare per parlare. Un punto di partenza. Finalmente. Mi sembra un augurio, mi dà speranza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La normalità è la forza della candidatura di Riccardo Rossi"

BrindisiReport è in caricamento