rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Politica Ostuni

Vendola, don Ciotti e il miele di “Libera Terra”

OSTUNI - Una scuola agraria, i suoi studenti, i suoi docenti, i suoi oliveti secolari. Una cooperativa di giovani che coltivano le terre sospinti da principi di responsabilità e sostenibilità. Una comunità di olivicoltori biologici manutentori di un paesaggio millenario. La loro voglia di stare insieme per salvaguardare un angolo di territorio in cui si racchiude la storia del Mediterraneo.

OSTUNI - Una scuola agraria, i suoi studenti, i suoi docenti, i suoi oliveti secolari. Una cooperativa di giovani che coltivano le terre sospinti da principi di responsabilità e sostenibilità. Una comunità di olivicoltori biologici manutentori di un paesaggio millenario. La loro voglia di stare insieme per salvaguardare un angolo di territorio in cui si racchiude la storia del Mediterraneo.

Ci saranno tutti questi ingredienti nella presentazione ufficiale del progetto sul tema: "Il paesaggio degli olivi secolari di Puglia nel segno della bellezza, della sostenibilità, della legalità".

L'iniziativa - promossa in collaborazione con la coop "Terre di Puglia-Libera Terra", il Comune di Ostuni, la Regione Puglia, la Provincia di Brindisi, Slow Food e l'istituto alberghiero "Salvemini" di Fasano - si svolgerà giovedì prossimo (ore 10) ad Ostuni, presso l'Istituto Agrario "Pantanelli. Alla cerimonia parteciperanno, tra gli altri, il Governatore della Regione Puglia, Nichi Vendola, e don Luigi Ciotti, presidente dell'associazione nomi e numeri contro le mafie "Libera".

Interverranno alla manifestazione, portando il loro saluto: il preside del "Pantanelli", Angelo Zaccaria, il sindaco di Ostuni, Domenico Tanzarella, l'assessore provinciale all'Istruzione Pubblica, Paola Baldassarre, la dirigente scolastica dell'istituto alberghiero "Salvemini" di Fasano, Rosa Anna Cirasino, il responsabile della condotta i "Slow Food- Piana degli Ulivi", Angelo Iaia, il dirigente scolastico provinciale, Francesco Capobianco, il presidente della Provincia, Massimo Ferrarese e l'Arcivescovo di Brindisi-Ostuni, Mons. Rocco Talucci.

Relazioneranno: Gianfranco Ciola, presidente comunità degli oliveti secolari di Puglia; Francesco Chialà e Francesco Prudentino, docenti dell'agrario "Pantanelli"; Alessandro Leo, presidente della cooperativa "Terre di Puglia-Libera terra"; Manlio Pugliese, consigliere Conapi del Consorzio apicoltori biologici italiani e Lucio Cavazzoni, presidente "Alce Nero & Mielizia".

Modererà l'incontro, Vito Giannulo, giornalista Rai e, dopo alcuni interventi dei rappresentanti degli studenti, concluderà don Luigi Ciotti.

L'evento rientra tra le iniziative per presentare il progetto dell'istituto agrario "Pantanelli" e della cooperativa "Terre di Puglia-Libera Terra" per la produzione biologica di miele ed olio extravergine di oliva ottenuto dalla piante secolari.

Gli studenti dell'istituto alberghiero di Fasano e della coop. "Terre di Puglia-Libera terra", al termine, proporranno la degustazione di prodotti biologici locali frutto nelle terre tolte alle mafie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendola, don Ciotti e il miele di “Libera Terra”

BrindisiReport è in caricamento