rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Politica

Via Del Mare, partono i lavori

BRINDISI - Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della ditta Ra Costruzioni del brindisino Giuseppe Roma: l'Ati leccese che nel 2011 si aggiudicò l'appalto di circa quattro milioni di euro potrà eseguire i lavori per la rigenerazione urbana di via Del Mare, che prevedono l'ampliamento della strada, l'abbattimento del muro che la costeggia, la sistemazione dell'area attualmente adibita a parcheggio, che sarà arricchita da alcune aree verdi e si allungherà fin quasi al passaggio a livello inattivo di via Provinciale per Lecce. Il cantiere potrebbe essere aperto già nei primi giorni di febbraio.

BRINDISI - Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso della ditta Ra Costruzioni del brindisino Giuseppe Roma: l'Ati leccese che nel 2011 si aggiudicò l'appalto di circa quattro milioni di euro potrà eseguire i lavori per la rigenerazione urbana di via Del Mare, che prevedono l'ampliamento della strada, l'abbattimento del muro che la costeggia, la sistemazione dell'area attualmente adibita a parcheggio, che sarà arricchita da alcune aree verdi e si allungherà fin quasi al passaggio a livello inattivo di via Provinciale per Lecce. Il cantiere potrebbe essere aperto già nei primi giorni di febbraio.

La notizia della decisione dei giudici è stata comunicata nelle scorse ore all'assessore alla Rigenerazione urbana, Lino Luperti, che si è dichiarato soddisfatto per la chiusura del contenzioso che bloccava i lavori, appaltati nel giugno 2011 dall'amministrazione Mennitti nell'ambito dei progetti dell'Area vasta coordinati dall'allora vicesindaco Mauro D'Attis. L'associazione temporanea di imprese che si era aggiudicata la gara è composta dalle aziende Alfa Impianti snc, Edil generali srl ed Et Engineering.

Già da domattina a Palazzo di Città si inizierà a predisporre il piano dei lavori, visto che la situazione ora rischia di diventare davvero preoccupante: l'apertura del nuovo cantiere, infatti, provocherà ulteriori e inevitabili disagi alla circolazione e obbligherà a diminuire il numero dei parcheggi attualmente disponibili nell'area gestita dalla Brindisi Multiservizi. A sindaco, assessori e tecnici comunali il compito di trovare le migliori soluzioni in tempi rapidissimi, anche alla luce del fatto che il prolungarsi della chiusura del lungomare Regina Margherita (almeno fino ad aprile) già crea grandi problemi non solo alla circolazione ma anche alle attività commerciali presenti in zona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Del Mare, partono i lavori

BrindisiReport è in caricamento