menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Avviate procedure per la costruzione di un Centro risvegli a Ceglie Messapica

Il 30 marzo scorso c'è stato un sopralluogo con i tecnici dell’Asset finalizzato a verificare lo stato dei luoghi per poi procedere alla pubblicazione del bando

CEGLIE MESSAPICA - Con provvedimento della direzione generale del mese di marzo 2018, di concerto con la Regione Puglia, è stato sottoscritto il Protocollo di intesa tra Asl Br e Asset Puglia (l’Agenzia regionale strategica per lo sviluppo ecosostenibile del territorio), propedeutico all’avvio delle procedure per la progettazione del "Centro Risvegli" extraospedaliero di Ceglie Messapica.

Il 30 marzo scorso è già avvenuto un sopralluogo con i tecnici dell’Asset finalizzato a verificare lo stato dei luoghi, per poi procedere alla pubblicazione del bando per la progettazione della nuova struttura che sorgerà nei pressi del Centro di Riabilitazione per neurolesi e motulesi San Raffaele.

Inizialmente l’opera si sarebbe dovuta realizzare, con finanziamento regionale dell’importo di 4.900.000 euro, attraverso la ristrutturazione dell’ex ospedale civile di Ceglie. Dopo alcune valutazioni tecniche sullo stato dell’immobile, da cui si è rilevata la necessità di ulteriori costi per l’adeguamento strutturale, nel 2016 questa Asl ha proposto alla Regione Puglia di realizzare ex novo il Centro Risvegli in un’area prossima al Presidio San Raffaele, struttura ospedaliera che ben si coniuga con l’esigenza di garantire ai pazienti in stato vegetativo e stato di minima coscienza tutta la filiera di assistenza offrendo prestazioni riabilitative proprie di un centro risvegli.

Nel mese di agosto 2017 la Giunta Regionale, oltre a stabilire le tariffe da applicare relativamente alle prestazioni da erogare, aveva autorizzato questa Azienda ad avviare la gara pubblica relativa ai servizi di gestione del presidio Riabilitativo e quella per la realizzazione del Centro Risvegli extraospedaliero. Avviate quindi le procedure per incrementare il finanziamento dell’intervento, il 12 marzo 2018 la Regione ha trasmesso l’addendum al protocollo per la definizione dei fabbisogni prioritari di intervento, prevedendo, in particolare, un importo di  9.400.000 euro per la nuova struttura, ritenuta più idonea come ubicazione e pienamente rispondente alle normative tecnico-sanitarie vigenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento