rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Salute

A Brindisi una giornata dedicata alla prevenzione dei tumori del collo

Domani, martedì 23 novembre, screening gratuiti in programma negli ambulatori dell'unità operativa di Otorinolaringoiatria del Perrino, diretta da Vincenzo Fornaro

BRINDISI - A Brindisi una giornata dedicata alla prevenzione dei tumori del collo: domani, martedì 23 novembre, screening gratuiti in programma negli ambulatori dell'Unità operativa di Otorinolaringoiatria del Perrino, diretta da Vincenzo Fornaro. Le visite si svolgeranno nel reparto al terzo piano dell'ospedale, dalle 9 alle 14, e saranno dedicate al controllo di eventuali patologie a carico di tiroide, ghiandole salivari, laringe e linfonodi del collo. L'iniziativa rientra nella prima giornata nazionale di sensibilizzazione e prevenzione dei tumori del collo, promossa e organizzata dalla Società Italiana di Otorinolaringoiatria e Chirurgia Cervico-Facciale (SIOeChCF).

"Gli utenti - spiega Fornaro - potranno accedere al servizio direttamente contattando il numero 0831 537886, mentre i medici di famiglia possono segnalare ai colleghi ospedalieri situazioni meritevoli di attenzione. Le iniziative cliniche sono indirizzate particolarmente ai soggetti con tumefazioni del collo di recente insorgenza e non ancora inquadrate. Le evidenze clinico-scientifiche insegnano che una tumefazione del collo che persista per più di tre settimane è da considerarsi sospetta, in quanto potrebbe segnalare l'insorgenza di una patologia neoplastica primitiva o secondaria".

La campagna della Società italiana di otorinolaringoiatria, che ha come slogan "prevenire è più facile che dire otorinolaringoiatra", vuole invitare i cittadini a non sottovalutare la comparsa di un nodulo del collo, anche se non dolente, e a rivolgersi al medico per favorire la diagnosi precoce. Fornaro sottolinea che “una massa cervicale nell’adulto dovrebbe essere valutata dal medico come potenzialmente maligna sino a prova contraria. I tumori della testa e del collo sono al settimo posto fra le neoplasie più comuni in Europa con oltre 150mila nuovi casi diagnosticati nel 2012. In Italia rappresentano il 3 per cento di tutti i tumori, con un'incidenza di 18 nuovi casi l'anno ogni 100mila abitanti e una tendenza all’incremento”.

Per queste patologie, infatti, si prevedono circa 9.500 nuovi casi e 4.500 decessi l'anno con una frequenza media tre volte superiore nei maschi rispetto alle femmine e un'incidenza che aumenta progressivamente con l'età a partire dai 50 anni. La sopravvivenza per questi tumori a 5 e 10 anni è, rispettivamente, del 57 per cento e 48 per cento ed è fortemente influenzata dalla precocità della diagnosi. Il 75 per cento dei carcinomi della testa e del collo è causato dal fumo di tabacco e dall'abuso alcolico con un effetto sinergico. Altri fattori sono esposizioni professionali, infezioni virali quali il papilloma umano e il virus di Epstein-Barr, l'esposizione a radiazioni ionizzanti e inquinanti atmosferici. Fattori favorenti possono essere anche una dieta povera di fibre vegetali e ricca di carni rosse, l'obesità e una scarsa igiene orale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Brindisi una giornata dedicata alla prevenzione dei tumori del collo

BrindisiReport è in caricamento