Giovedì, 28 Ottobre 2021
Salute

Ingorgo al Pronto soccorso: "La direzione è intervenuta subito"

Le criticità di ieri. Nuova raccomandazione a non intasare il servizio con casi non rilevanti

BRINDISI - A proposito delle conseguenze di un picco di afflusso nella giornata di ieri mercoledì 27 febbraio al Pronto soccorso dell'ospedale Antonio Perrino di Brindisi, la direzione sanitaria dello stessi presidio ospedaliero comunica che "è tempestivamente intervenuta per verificare quanto stava accadendo in Pronto Soccorso. Come da protocollo previsto e già collaudato in casi di iperafflusso, è stata attivata l’Unità di Crisi con l’implementazione di altre unità mediche e personale di varia qualifica. L’intervento ha in poco tempo risolto il problema degli accessi, migliorando nettamente la situazione delle attese". 

"Per evitare il ripetersi di tali episodi, che di frequente rallentano l’assistenza a chi ha reale necessità, si rinnova l’invito agli utenti di accedere al Pronto Soccorso solo per situazioni di emergenza. Sono tanti i casi di accessi impropri che possono essere trattati dal medico di medicina generale o dalla Guardia Medica (Continuità assistenziale)", raccomanda nuovamente la direzione sanitaria, sollevando un problema reale che spesso complica la situazione del servizio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ingorgo al Pronto soccorso: "La direzione è intervenuta subito"

BrindisiReport è in caricamento