rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
Salute

Lotta contro il papilloma virus: "Vaccinazione gratuita per le giovani donne pugliesi"

Proposta di legge depositata dal consigliere regionale Pierluigi Lopalco: "Sono ancora tanti, ragazze e ragazzi, a non essere stati vaccinati pur avendone diritto”

Garantire la vaccinazione attiva e gratuita contro il Papilloma Virus (Hpv) a tutte le ragazze nate dal 1996, alle donne fino al compimento dei 26 anni che non si siano già vaccinate in precedenza, ai ragazzi a partire dalla coorte di nascita 2006 e a tutte le donne sottoposte a trattamenti per lesioni di alto grado nonché raggiungere gli obiettivi di copertura previsti dal Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale (Pnpv) mettendo in campo una strategia efficace di contrasto alla diffusione dell’Hpv. Sono questi gli obiettivi della PdL depositata questa mattina che, proposta dal Consigliere regionale del Partito Democratico Pier Luigi Lopalco (primo firmatario), ha raccolto l’adesione entusiastica dei Consiglieri appartenenti ai gruppi di maggioranza.

Il Papilloma Virus, si legge nella relazione introduttiva, è la principale causa di diverse forme tumorali maligne, prime fra tutte per frequenza ed impatto sanitario il carcinoma del collo dell’utero, ma esistono forme che possono portare allo sviluppo del tumore al pene e all’ano nonché a carcinomi del distretto testa-collo. Gli studi hanno accertato negli anni che la vaccinazione contro l’Hpv si è dimostrata estremamente sicura ed efficace. Ciononostante, la copertura vaccinale media per Hpv è ancora oggi al di sotto della soglia ottimale prevista dal Pnpv (95% nel 12° anno di età) e anche a livello territoriale, nessuna regione italiana, Puglia compresa raggiunge la percentuale richiesta in nessuna delle coorti interessate. Tale Proposta di Legge, dalla cui applicazione non derivano nuovi o maggiori oneri a carico del bilancio regionale, determinerebbe invece una serie di vantaggi a livello sanitario riducendo il potenziale rischio di contrazione del virus e, nel medio termine, importanti risparmi per la spesa sanitaria.

“Oggi – dichiara Pier Luigi Lopalco – si parla tanto di vaccini contro il cancro come di una nuova frontiera della medicina. Dimentichiamo che un vaccino estremamente efficace che previene molte forme di tumore, fra cui il cancro del collo dell’utero è disponibile da anni. L’Italia è stata pioniera nel 2007 ad avviare la vaccinazione di massa contro il papillomavirus, primo paese in Europa. Nonostante ciò, sono ancora tanti, ragazze e ragazzi, a non essere stati vaccinati pur avendone diritto”. 

“La nostra Regione ha un’ottima struttura a supporto dei programmi vaccinali, ma come le altre regioni, ha sofferto della disinformazione che aleggia intorno alle vaccinazioni e della stanchezza del sistema causata dagli ultimi anni di pandemia. Credo che questa proposta di legge rappresenti un’azione importante soprattutto per la salute delle donne e in linea con la strategia internazionale dell’Oms di eliminazione del tumore del collo dell’utero. Mi auguro pertanto che tale proposta venga accolta con favore da tutte le forze politiche perché di fronte alla tutela della salute non devono esserci divisioni tra partiti e che quanto prima possa partire l’iter di discussione in Commissione regionale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta contro il papilloma virus: "Vaccinazione gratuita per le giovani donne pugliesi"

BrindisiReport è in caricamento