rotate-mobile
Salute

Sanità digitale e telemedicina, premiato progetto dell'Asl di Brindisi

Il riconoscimento per Telehomecare in occasione del primo convegno nazionale in programma a Bari il 28 settembre prossimo

BRINDISI - In occasione del primo convegno nazionale “Sanità digitale e telemedicina” che si terrà a Bari il 28 settembre 2018, il progetto di telemedicina “Telehomecare” della Asl di Brindisi sarà premiato quale migliore progetto di innovazione nelle Aziende Sanitarie del Sud Italia.

Il progetto, candidato nella sezione “Progetti di continuità assistenziale” promosso dall’Associazione Italiana di Sanità Digitale e Telemedicina in collaborazione con l’Osservatorio per l’Innovazione in Sanità del Politecnico di Milano, è stato sperimentato nel Comune di Ceglie Messapica, con la responsabilità scientifica di Francesco Galasso, direttore del distretto socio-sanitario 3 di Francavilla Fontana, con la collaborazione dei medici di medicina generale e degli operatori sanitari del servizio di assistenza domiciliare e dell’ospedale di comunità.

Tale esperienza è stata oggetto di relazione, a cura di Galasso, nell’ambito della sessione dedicata all’innovazione tecnologica e telemedicina, moderata dal direttore generale Giuseppe Pasqualone, che si è svolta il 14 settembre scorso durante il Forum Mediterraneo in Sanità 2018, che in questa edizione aveva come tema il “Cambiamento necessario per il diritto alla salute di tutti - proposte dal Sud e per il Sud”. 

Il progetto TeleHomeCare, già avviato nell’ospedale di comunità di Ceglie Messapica e direttamente a domicilio, ha previsto il telemonitoraggio, teleconsulto e teleassistenza, rivolto a pazienti affetti da patologie croniche (scompenso cardiaco, Bpco e diabete). I risultati di questi anni di sperimentazione hanno dimostrato come il monitoraggio costante a distanza, è in grado di stabilizzare i pazienti con patologie in fase di riacutizzazione e/o scompenso, rallentando e/o impedendo l’insorgenza di complicanze e conseguenti accessi inappropriati in ospedale.

Sulla base di questi risultati, attraverso l’utilizzazione di fondi strutturali europei, è stata proposta l’estensione e la messa “a sistema” in modo omogeneo in tutto il territorio dellaAsl di Brindisi. Il percorso di implementazione del progetto TeleHomeCare prenderà il via ufficialmente il 22 settembre 2018 con l’evento formativo “Il Progetto di Telemedicina la presa in carico del paziente cronico”, che si svolgerà presso l’aula magna del polo universitario in piazza Di Summa a Brindisi. All’evento seguirà, nel mese di ottobre, una fase di formazione pratica. L’inizio della fase operativa è prevista per il 1° novembre 2018.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità digitale e telemedicina, premiato progetto dell'Asl di Brindisi

BrindisiReport è in caricamento