Pronto soccorso: "La causa principale del sovraffollamento è il blocco dell’uscita"

Il segretario territoriale del sindacato infermieri NurSind, Carmelo Villani, interviene sulla situazione in cui versa il Pronto soccorso 

BRINDISI - Il segretario territoriale NurSind Brindisi, Carmelo Villani, interviene sulla situazione in cui versa il Pronto soccorso dell’ospedale Perrino di Brindisi spesso al centro di polemiche per il sovraffollamento. Nello stesso intervento manifesta vicinanza agli imprenditori di Apulia Diagnostic vittime dell’attentato incendiario della notte scorsa.

“Non sono i codici bianchi il problema dei Pronto soccorso della Asl Brindisi, in particolare del pronto soccorso “A. Perrino” di Brindisi. La comunità scientifica e professionale, infatti, ha da tempo individuato come causa principale del sovraffollamento dei Pronto soccorso il blocco dell’uscita, cioè l’impossibilità di ricoverare i pazienti nei reparti degli ospedali per indisponibilità di posti letto, dopo il completamento della fase di cura in Pronto soccorso”.

“È d’altra parte pericoloso parlare di “codici verdi” da trattare presso altre strutture, siano esse di Mesagne o di San Pietro Vernotico, che negli ultimi anni hanno ormai perso le caratteristiche di presidi adatti ad offrire talune prestazioni, se non sottraendo preziose risorse umane e tecnologiche da altri presidi in un periodo di grave carenza, tanto più che i cosiddetti “codici colore” non rappresentano una diagnosi ma una condizione clinica soggetta potenzialmente ad evoluzione nel tempo tanto che la seconda fase dell’accettazione/triage è la rivalutazione periodica durante l’attesa”. 

“Chi può dire ad esempio che un semplice “mal di denti” o un dolore alla spalla sinistra che simula un problema ortopedico non sia invece un infarto del miocardio? Piuttosto la politica focalizzi la propria attenzione su alcune questioni quali la disattivazione della Osservazione breve intensiva dello S.o. A. Perrino di Brindisi, divenuta ancora una volta un punto di appoggio per i pazienti abbisognevole di ricovero perdendo di conseguenza la propria funzione ed il blocco, da mesi, dei lavori di adeguamento strutturale e successivamente organizzativo dello stesso pronto soccorso”. 

“Alcune soluzioni al problema ci sono, più volte proposte, le stesse che società scientifiche accreditate quali la Simeu hanno proposto a livello nazionale e regionale: attivazione in ogni azienda/presidio di una funzione centralizzata di gestione della risorsa posti letto (“bed management”) e di eventuali unità di pre-ricovero (holding units) e di pre-dimissione (discharge room); gestione delle sale d’aspetto in sinergia con i cittadini e le organizzazioni di volontariato; nuclei di presa in carico integrati, in attività alla porta; avvio di percorsi rapidi dal triage a gestione infermieristica (see & treat, fast-track); elaborazione in ogni presidio sede di Pronto soccorso di un piano di gestione del sovraffollamento; rimodulazione delle attività, con eventuale limitazione di quelle elettive; reperimento di strutture per lungodegenza e continuità assistenziale, con possibilità di invio anche da Ps.

“Nulla da inventarsi, quindi, ma tante piccole azioni che possono dare ai cittadini un sistema più efficiente a garanzia di un buon livello di qualità fornita a tutti i pazienti e di migliori condizioni di lavoro per gli operatori”.

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Yogurt: dalla Mesopotamia di 3000 anni fa

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

I più letti della settimana

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • Omicidio Maldarella, fermati anche il padre e la madre dell'arrestato

  • “Mettiti sul letto sennò ti ammazzo”: arrestato per violenza sessuale e rapina

Torna su
BrindisiReport è in caricamento