Integrazione scolastica, contratto rinnovato per 34 settimane

Confermato all’Ati di Venezia il servizio di assistenza specialistica agli alunni di Brindisi e San Vito dei Normanni. Prorogato al 30 settembre il termine per l’iscrizione alla mensa

BRINDISI – Rinnovato per 34 settimane il servizio di integrazione scolastica per gli alunni residenti nei comuni di Brindisi e San Vito dei Normanni, ricadenti nell’ambito territoriale sociale di Brindisi.

La proroga

Ad occuparsi del servizio sarà l’Ati socioculturale coop Onlus-Genss coop sociale, con sede a Venezia, già titolare del contratto sottoscritto il 23 maggio dello scorso anno. La Giunta del Comune di Brindisi ha deliberato la prosecuzione “ritenuto che si siano verificate le condizioni previste nell’articolo 10 del capitolato speciale d’appalto” e considerato  che i risultati dell’appalto “sono stati soddisfacenti”. Il servizio di integrazione scolastica, quindi, proseguirà  alle stesse condizioni, per garantire continuità in favore degli alunni delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado.

L’impegno di spesa

La spesa presunta per l’anno scolastico 2019-2020, sulla base del costo mensile, è pari a un milione e 990mila euro, di cui 700mila sino alla fine del 2019 e 1.290.000 per il prossimo. La quota a carico del Comune di San Vito dei Normanni ammonta a 277mila euro, quella finanziata con il piano di zona è di 224.382,37 e quella a carico del Comune di Brindisi ammonta a un milione 765.617,63 euro, di cui 475.617,63 sino alla fine del 2019 e il resto per il 2020.

La mensa scolastica

Dagli uffici di Palazzo di città, intanto, fanno sapere che è stato prorogato al 30 settembre il termine ultimo per la presentazione delle domande di ammissione al servizio di refezione scolastica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La domanda deve essere presentata in maniera distinta per ogni figlio, sia nel caso di iscrizione per la prima volta che nel caso di riconferma”, precisano dal Comune di Brindisi.
Il  modello  di  domanda allegato, oltre che presente sul sito istituzionale dell'Ente nella sezione "Modulistica", può essere ritirato presso il Settore Politiche Educative – Ufficio Refezione Scolastica  del Comune di Brindisi, in piazza Matteotti ingresso B - piano terra.
La domanda, con allegata copia dell'Isee, nel caso di richiesta di tariffa agevolata,  dovrà essere consegnata presso lo stesso Ufficio Refezione tutti i giorni feriali, con esclusione del sabato, dalle 9 alle  12 e il giovedì anche dalle 15,45 alle ore 17,45.
Nell’avviso, è stato anche sottolineato che: “La presentazione della domanda in oggetto è condizione indispensabile perché l'alunno possa usufruire del servizio e presuppone una frequenza regolare della mensa, salvo le assenze scolastiche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terrore in strada: moglie getta acido addosso al marito, lui è grave

  • Muore soffocato da un pezzo di focaccia

  • "Dacci 50mila euro o ti bruciamo gli ulivi": ma l'imprenditore sporge denuncia

  • Aggredito con l'acido dalla moglie: uomo stabile ma gravissimo

  • Bimbo di 10 anni si accascia in strada: un vigilante gli salva la vita

  • Allarme clima: la provincia di Brindisi è quella che si sta riscaldando di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento