rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Scuola Ceglie Messapica

Concorso “I Longobardi in Minecraft”, terzo posto per la media "Leonardo da Vinci" di Ceglie Messapica

L’obiettivo era di valorizzare, attraverso l’utilizzo didattico del videogioco “Minecraft” nella versione “Education Edition”, i sette gruppi di monumenti storici che compongono il sito Unesco 

CEGLIE MESSAPICA - Sono stati premiati ieri, venerdì 13 maggio, a Roma, presso il salone d’Onore del Museo delle Civiltà, gli alunni e le alunne  del secondo istituto comprensivo di Ceglie Messapica, diretto da Roberta Leporati, che si è aggiudicato il terzo posto (categoria scuola secondaria di primo grado) alla prima edizione del concorso nazionale “I Longobardi in Minecraft” indetto dall’associazione Italia Langobardorum con il supporto organizzativo di Maker Camp, con l’obiettivo di valorizzare, attraverso l’utilizzo didattico del videogioco “Minecraft” nella versione “Education Edition”, i sette gruppi di monumenti storici che compongono il sito Unesco “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.

Questa la motivazione della giuria: "Un video racconto didattico che ruota intorno alla raffigurazione della leggenda agiografica di San Michele combattente, tra il Ducato di Benevento, il Monte Gargano e la città di Siponto. I Longobardi elessero protettore l'Arcangelo Michele, ponendolo dal Monte Gargano a guardia dei confini del Ducato. Un elaborato frutto della collaborazione di 6 classi che approfondendo la cultura del territorio si sono trasformati in attori registi del videogame in cui gli elementi di gamification, si uniscono in un gioco istruttivo in cui, fornendo risposte corrette alle domande formulate dai guerrieri longobardi posti a presidio delle strutture dei sette siti Unesco, è possibile collezionare i sette diamanti che permettono di vincere la spada d'oro che verrà così consegnata a San Michele per poter sconfiggere il drago e riportare la pace sulla Terra."

La cerimonia di premiazione, avvenuta alla presenza di Antonella Tartaglia Polcini, presidente dell’associazione Italia Langobardorum, Francesca Manuela Anzelmo, funzionaria del Museo delle Civiltà – Ministero della Cultura, Mariassunta Peci, Dirigente Ufficio Unesco – Ministero della Cultura, Laura Acampora, Funzionario Ufficio Unesco – Ministero della Cultura, Angela Maria Ferroni, funzionaria ufficio Unesco – Ministero della Cultura, Danilo Chiodetti Vicepresidente dell’associazione Italia Langobardorum, Sara Matilde Masseroli, direttrice responsabile del Parco archeologico di Castelseprio e Marco Vigellini, Ceo di Maker Camp, ha visto protagonisti gli studenti di dieci scuole di diverse Regioni italiane che si sono distinte tra le 221 classi partecipanti, per le categorie della scuola primaria e della scuola secondaria di primo e secondo grado, presentando elaborati sottoposti al giudizio di una giuria nazionale composta dai rappresentanti delle istituzioni che hanno promosso il concorso e da esperti del settore del gaming.

Del comprensivo messapico sono state coinvolte le classi 1A, 2A, 2B, 1C, 1D, 3C e 3D con le docenti Olga Sarcinella, Maria Carla Maggiore, Lucia Turrisi, Angela Andriulo, Santa  Monaco e Nicola Dione (docente referente). 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concorso “I Longobardi in Minecraft”, terzo posto per la media "Leonardo da Vinci" di Ceglie Messapica

BrindisiReport è in caricamento