Il liceo  “Fermi-Monticelli” vola sul podio alle nazionali di atletica leggera

Si sono svolte a Palermo, dal 22 al 26 maggio, le finali nazionali di atletica leggera dei Campionati Studenteschi che hanno visto protagonisti più di 1000 studenti provenienti da tutta l’Italia

BRINDISI - Si sono svolte a Palermo, dal 22 al 26 maggio, le finali nazionali di atletica leggera dei Campionati Studenteschi che hanno visto protagonisti più di 1000 studenti provenienti da tutta l’Italia. Alla manifestazione, che è stata un mix di sport, cultura e spettacolo, a rappresentare la Puglia per la categoria allieve è stata la squadra del Liceo scientifico “Fermi –Monticelli” di Brindisi, formata da Martina Aleotti (4 ALS), Francesca De Mitri, Giada Lanzillotti, Noemi Russo e Chiara Zacheo (3 ALS), Mariaclelia Poli (4 AEI) e Agnese Ruggiero (2 ALS), Michelle Cucinelli (1ALS), accompagnate dalla prof.ssa Angela Tarì.

Le ragazze  hanno  difeso con  grande impegno i colori della propria scuola, conseguendo ottimi risultati, in particolare nella staffetta e nel 20180525_122121-2salto in lungo.  Agnese Ruggiero, che frequenta l’indirizzo sportivo, si è classificata seconda con un salto di 5,62 metri, migliorando il primato personale per due volte, confrontandosi senza remore con le più quotate atlete italiane di questa specialità e dando lustro alla sua scuola. La Dirigente, i docenti e tutto il personale sono orgogliosi del prestigioso risultato conseguito e non sono mancati i riconoscimenti, tra cui  quello del coordinatore di ed. fisica dell ‘ U.S.P. , prof. Massimo Monticelli.

L’evento è stato anche occasione di crescita e riflessione. La cerimonia di apertura, tenutasi il 23 maggio, è coincisa con la commemorazione delle stragi di Capaci e di Via D’Amelio ed è stato lanciato un importante messaggio nel nome della cultura e della  legalità.  Durante la manifestazione ad accendere la fiaccola in Piazza Magione è stato proprio Antonino Emanuele Schifani, figlio dell’agente di scorta di Giovanni  Falcone, ucciso nella strage di Capaci,  insieme all’atleta palermitana plurimedagliata, Simona La Mantia. 

Agli studenti è stato permesso di visitare l’aula bunker del carcere dell’Ucciardone, dove si sono svolti i maxiprocessi  contro i mafiosi, di ripercorrere i momenti salienti che hanno caratterizzato la vita di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone e di partecipare alla marcia della legalità, che si è conclusa con un minuto di silenzio alle 17 e 58, in concomitanza  con l’orario della strage. L’atletica e lo sport non sono stati pertanto, solo un momento di confronto e di fair play, ma hanno lanciato anche un importante  messaggio, un invito alla legalità rivolto all’intera società.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Meno contagi e meno tamponi nel weekend. Resta alto il numero dei decessi

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Furti in casa mentre i proprietari dormono, paura nelle campagne

Torna su
BrindisiReport è in caricamento