Sabato, 20 Luglio 2024
Scuola

Lettera della preside ai "suoi" maturandi: "Credete in voi stessi, non dubitate mai"

Le lettera della dirigente dell'istituto Morvillo Falcone, Irene Esposito, alla vigilia della prima prova dell'esame di maturità

Di seguito la lettera di Irene Esposito, dirigente dell'istituto Morvillo Falcone, ai suoi studenti

Cari maturandi,

questa sarà la vostra notte, quella che probabilmente ricorderete per sempre come la notte dell’ansia e di un mix di emozioni. A poche ore dall’inizio della vostra maturità, vorrei dirvi che il vostro futuro non è scritto in pagella. Voi non siete il vostro voto.

Forse un giorno sarete tra i migliori odontotecnici o odontoiatri della città oppure diventerete infermieri, psicologi, fashion designer, ottici. Forse sbaglierete facoltà, cambierete percorso, magari partirete alla ricerca di voi stessi e del vostro posto nel mondo oppure resterete nella vostra città, lì dove il richiamo delle radici è più forte della voglia di andare. Certamente voi farete, sarete e diventerete.

Qualunque cosa decidiate di fare, ricordate sempre che il presente, quanto il futuro, è vostro. Il tempo è per voi. Siete voi. Ma non è scritto in pagella. Voi non siete quel voto e non sarete neanche il 30 e lode o il 18 all’università. Voi non siete quel numero. Voi valete molto di più. Credete in voi stessi. Non dubitate mai. E se qualcosa non dovesse andare come previsto, accettate la caduta e riprendete il cammino. Ci saranno giorni difficili, vi sembreranno interminabili, giorni in cui penserete di non riuscire, di non potervi rialzare, di non poter continuare. Ricordate che tutto è temporaneo. Accettate il momento, ma non mollate!

Credete in voi stessi e tutto sarà possibile. Siete nati per brillare.

Con affetto sincero, la vostra dirigente.

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lettera della preside ai "suoi" maturandi: "Credete in voi stessi, non dubitate mai"
BrindisiReport è in caricamento