rotate-mobile
Scuola

Gli studenti del liceo “Simone-Durano” incontrano l’associazione Admo

Questo incontro rientra nelle attività di cittadinanza attiva promosse dalla scuola e sostenute dalla dirigente scolastica Carmen Taurino da sempre attenta alle tematiche  attuali e sensibile alle iniziative legate alla solidarietà

BRINDISI - Continua il sodalizio fra il liceo artistico-musicale “Simone-Durano” e l’associazione Admo (Associazione Donatori di Midollo Osseo) intrapreso già da alcuni mesi  per diffondere la cultura della donazione consapevole e portare l’argomento all’attenzione degli studenti. Giovedì 31 marzo, in occasione dell'assemblea d’istituto della scuola, la signora Katiuscia
Barbarossa, referente Admo per la sezione di Brindisi, assieme a due volontari, si è recata presso il liceo “Simone-Durano” per tenere un incontro con i ragazzi, al fine di portare alla luce i benefici derivanti dalla donazione del midollo.

Admo è un’associazione che sensibilizza le persone ad iscriversi al registro italiano per le donazioni del midollo osseo, in modo da combattere malattie come la Leucemia, i Linfomi, i Mielomi, le Immunodeficienze primitive e le malattie genetiche rare. La signora Barbarossa  ha precisato che, per poter donare, l’individuo deve rispettare una serie di requisiti: bisogna essere sani, possibilmente essere già un donatore di sangue, rientrare nella fascia di età fra i 18 e i 35 anni, pesare almeno 50 kg ed infine rimanere iscritti fino all’età di 55 anni.  In Italia, ogni anno, vengono diagnosticati circa 8mila casi di tumori del sangue, 4mila possono essere contrastati con il trapianto di midollo osseo; solo il 65 percento dei pazienti riesce a trovare un donatore compatibile.

Molto esaustiva è stata la spiegazione della “tipizzazione”: un semplice prelievo di sangue attraverso il quale l’individuo viene riconosciuto ufficialmente come donatore Admo. Come affermato dalla referente “Con una singola tipizzazione si può salvare la vita a molte persone e una volta registrati il vostro nome non resta solo nel registro, ma rimane impresso nel cuore dei pazienti”. È stato spiegato che dopo la tipizzazione si può essere convocati in qualsiasi momento e che prima della donazione vera e propria, l’individuo verrà sottoposto ad una cura speciale dalla durata di tre giorni attraverso l’assunzione di diversi farmaci specifici che garantiscono la riproduzione delle cellule staminali. 

L’incontro si è poi concluso con l’invito, rivolto ai ragazzi maggiorenni, ad iscriversi ad Admo e a partecipare agli eventi organizzati in piazza, come lo scorso  26 marzo, in occasione della vendita delle uova e delle colombe pasquali i cui fondi saranno devoluti in beneficenza. La collaborazione tra l’Admo e il liceo Simone Durano è iniziata il 25 settembre 2021 in occasione della “Giornata dell’associazione Admo” quando gli alunni appartenenti alla classe quarta sezione B hanno contribuito alla manifestazione con dipinti realizzati sul tema ed è proseguita con i ragazzi del biennio che sono stati esortati all’ideazione di disegni inerenti alla donazione del midollo osseo coadiuvati dai docenti di indirizzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti del liceo “Simone-Durano” incontrano l’associazione Admo

BrindisiReport è in caricamento