menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Altro sequestro di droga l'ultimo dell'anno: arrestato scafista brindisino

Fermato un gommone che trasportava 6,5 quintali di marijuana al largo delle coste salentine. L'imbarcazione era condotta da un brindisino di 37 anni e da un albanese. Il giorno precedente, un altro sequestro

BRINDISI – Le festività di Capodanno non hanno scoraggiato i trafficanti ma neanche gli uomini delle Fiamme Gialle territoriali ed aeronavali che continuano incessantemente a pattugliare le coste Pugliesi. Era condotto uno scafista brindisino di 37 anni (D. A. le iniziali del suo nome) e da un 54enne di Valona (A.G.) un gommone che trasportava 6,6 quintali di marijuana che la sera dell’ultimo dell’anno (domenica 31 dicembre 2017) è stato intercettato dai militari del Roan della Guardia di Finanza al largo delle coste leccesi. Il giorno precedente altri 17 quintali di marijuana e un kalashnikov erano stati sequestrati, sempre dal Roan, insieme a un altro gommone in rotta verso il litorale salentino, con a bordo due scafisti albanesi.

Guarda il video dell'inseguimento

Negli ultimi giorni del 2017, dunque, hanno avuto un nuovo impulso i traffici di droga e di armi nel Canale d’Otranto, fra le sponde albanesi e quelle brindisine. L’imbarcazione condotta dal brindisino A.G. è stata avvistata, intorno alle ore 20 di domenica, dalle unità aeronavali della Guardia di Finanza impegnate in una ordinaria missione finalizzata alla sorveglianza delle Frontiere e al contrasto dei traffici illeciti perpetrati via mare.

Gli assetti aeronavali della Guardia di Finanza, impegnati anche nell’operazione “Triton 2017” dell’Agenzia Frontex, coordinati in Puglia dal Gruppo Aeronavale della Guardia di Finanza di Taranto, sono stati indirizzati verso l’obiettivo al largo della costa salentina. In particolare, i militari a bordo di due unità velocissime del Reparto operativo aeronavale di Bari, hanno intimato l’alt ai trafficanti che cercavano di darsi alla fuga aumentando la velocità verso il largo, nonostante il grosso carico trasportato sul piccolo natante. Ne è scaturito un inseguimento che si è concluso, poco dopo, con l’abbordaggio dell’imbarcazione da parte degli uomini delle Fiamme gialle, a poche miglia al largo di San Cataldo (Lecce). 

L’imbarcazione, un gommone lungo 6 metri, con un motore fuoribordo, è stato condotto agli ormeggi della Sezione operativa navale della Guardia di Finanza di Otranto. A bordo del natante, posto sotto sequestro, sono stati rinvenuti 41 colli di varie dimensioni dal peso complessivo di oltre 605 chili di marijuana, che avrebbero fruttato al mercato clandestino oltre 6 milioni di euro. Entrambi gli scafisti sono stati arrestati per detenzione e traffico internazionale di stupefacenti. 

I numeri del 2017

Attivata anche in questa circostanza la ormai stabile collaborazione operativa ed investigativa con le Autorità di polizia albanesi, tramite il Nucleo di frontiera marittima della guardia di finanza di stanza a Durazzo. Durante l’anno 2017, sono circa 36 le tonnellate di marijuana trasportata via mare sequestrate, 52 gli scafisti arrestati e 26 i natanti sottratti alle organizzazioni criminali dalla Guardia di Finanza in Puglia, di cui 2 natanti, 5 responsabili e quasi 2 tonnellate e mezzo di marijuana negli ultimi due giorni dell’anno.

Gli ultimi sequestri effettuati, anche nella notte di capodanno, confermano ancora una volta l’efficienza del pattugliamento svolto dal dispositivo aeronavale della Guardia di Finanza titolare esclusiva delle funzioni di Forza di Polizia demandata alla “sicurezza del mare”, a contrasto dei traffici illeciti perpetrati verso le frontiere nazionali ed europee. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    La Puglia torna in zona arancione: come comportarsi

  • Attualità

    “Destinazione Brindisi”: al via gli incontri on line

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento