rotate-mobile
settimana Oria

“Atti sessuali su una tredicenne”: arrestato presidente di un'associazione sportiva

L’accusa nei confronti di un 48enne di Oria, dopo la denuncia dei genitori della ragazzina. Il gip: “Pericolo di reiterazione del reato”

ORIA – Atti sessuali su una ragazzina di 13 anni che frequentava una delle associazioni sportive di Oria, conosciute anche per l'impegno nelle manifestazioni di rievocazione a sfondo storico-culturale: l’accusa è stata contestata al presidente del sodalizio dilettantistico che ha sede nella città nota per il torneo dei rioni e per gli sbandieratori. L’indagato, 48 anni, è stato arrestato in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Gli uffici della procura e del gip a Brindisi

L’inchiesta

Il provvedimento di arresto è stato firmato dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, Tea Verderosa, su richiesta del sostituto procuratore Paola Palumbo, di fronte a indizi ritenuti gravi di colpevolezza, raccolti dalla Polizia di Brindisi, e ad esigenze cautelari concrete e attuali.

Gli agenti hanno riscontrato quanto esposto nella querela sporta dai genitori dell’adolescente con riferimento a quanto sarebbe accaduto lo scorso anno, quando la ragazzina frequentava l’associazione impeganata anche nelle rievocazioni storiche e – secondo l’accusa – in più di una circostanza il presidente, volto peraltro molto conosciuto a Oria, l’avrebbe molestata sessualmente. La ragazza inizialmente avrebbe taciuto, poi ha deciso di confidarsi con la madre.

Il pericolo di reiterazione del reato

Il sostituto procuratore ha ritenuto riscontrato quel racconto e ha contestato l’accusa grave, ostativa al regime degli arresti domiciliari. Inoltre ha evidenziato al gip il pericolo di reiterazione del reato, in considerazione del fatto che l’uomo è ancora oggi a capo dell’associazione sportiva dilettantistico, regolarmente registrata, e di conseguenza proprio in virtù dell’incarico ricoperto potrebbe ripetere le stesse condotte oggetto della contestazione.

Il giudice per le indagini preliminari ha condiviso e ha ordinato l’arresto in carcere, delegando l’esecuzione del provvedimento ai poliziotti di Brindisi i quali hanno rintracciato l’indagato nel pomeriggio di ieri lunedì, 19 marzo 2018, mentre era impegnato in una delle attività oggetto dell’associazione.

L’interrogatorio di garanzia

La notizia ha avuto eco in tutti gli ambienti sportivi di Oria. L’indagato già nella giornata di domani affronterà l’interrogatorio di garanzia dinanzi al gip, nel carcere di Brindisi, alla presenza del suo avvocato di fiducia, Pasquale Annicchiarico. In quella sede avrà modo di rispondere alle domande. Avrà una notte per decidere se affrontare l’interrogatorio, offrendo la sua versione dei fatti, oppure avvalersi per il momento della facoltà di non rispondere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Atti sessuali su una tredicenne”: arrestato presidente di un'associazione sportiva

BrindisiReport è in caricamento