settimana Cellino San Marco

Incidente mortale con tre vittime: condannata ragazza alla guida

Il 23 marzo 2019 persero la vita la 17enne Giulia Capone di San Pietro Vernotico, il 19enne Davide Cazzato e la 18enne Sara Pierri, entrambi residenti a Brindisi. La sentenza del Tribunale

BRINDISI - Quattro anni di reclusione e la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per quattro anni. È stata pronunciata al termine della lunga udienza in camera di consiglio, la condanna per L.A., 22enne di San Pietro Vernotico, che era alla guida della fiat Punto la notte del drammatico incidente costato la vita alla 17enne Giulia Capone di San Pietro Vernotico, al 19enne Davide Cazzato e alla 18enne Sara Pierri, entrambi residenti a Brindisi e morti giovanissimi dopo una serata tra amici. Una leggerezza risultata fatale. I familiari di Giulia, assistiti da Giesse Risarcimento Danni, gruppo specializzato nei casi di incidenti stradali con sede anche a Francavilla Fontana avevano già da tempo ottenuto l’integrale risarcimento del danno e ieri (martedì 13 ottobre) erano presenti in aula perchè attendevano che fosse fatta chiarezza e giustizia su quanto accaduto in quei tragici momenti.

Era la notte del 23 marzo 2019 quando i tre ragazzi, a bordo della Fiat Grande Punto guidata dall’amica L.A., percorrevano la S.P. 75 che collega S. Pietro Vernotico con Cellino San Marco in una di quelle nottate spensierate che dovrebbero essere momenti di felicità e svago con gli amici dopo una settimana di studio o lavoro. Improvvisamente, però, nei pressi dell’innesto con la circonvallazione di San Pietro in Vernotico, la conducente perse il controllo del mezzo, finendo per scontrarsi con la Chevrolet Cruze guidata da A.Z., che viaggiava in direzione Cellino San Marco sulla corsia opposta. Fortissimo l’impatto, con la Punto che finì per rovesciarsi e colpire il muro di una abitazione a bordo strada, ma soprattutto pesantissime furono le conseguenze per i passeggeri: L.A. e M.L., seduti nei due sedili anteriori, riportarono alcune ferite, mentre non ci fu nulla da fare nonostante gli immediati soccorsi per i tre ragazzi seduti sul sedile posteriore. Nessuna conseguenza, invece, per il conducente della Chevrolet.

Il pubblico ministero Pierpaolo Montinaro, responsabile delle indagini preliminari, ha prontamente raccolto i rilievi delle forze dell’ordine e incaricato l’ingegner Angelo Nocioni di redigere la consulenza tecnica per chiarire nel merito la dinamica dei fatti ed eventuali responsabilità dei due conducenti. Dalla perizia è emerso che l’impatto della Fiat Punto su cui viaggiavano le tre vittime è stato causato dalle condizioni degli pneumatici della Punto: le gomme anteriori, infatti, come si legge nella consulenza tecnica erano “in condizioni pessime”, e non appena  L.A. azionò i freni durante la curva fecero perdere aderenza al mezzo, innescando il terribile incidente. Nessuna responsabilità, invece, per l’auto proveniente dalla direzione opposta, che nulla poteva fare per evitare l’impatto.

“Quello che è accaduto mette ancora una volta in luce quanto sia importante non lasciare nulla al caso quando ci si mette al volante – evidenziano Andrea Matarrelli e Giuseppe Vacca, della sede Giesse di Francavilla Fontana - In questo caso prudenza e il rispetto dei limiti non sono bastati perché gli pneumatici non erano idonei alla circolazione. Tre famiglie hanno perso ciò che di più caro avevano, tre ragazzi hanno perso la vita; speriamo che una condanna come questa contribuisca a costruire una sempre più attenta coscienza civile in tema di sicurezza stradale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale con tre vittime: condannata ragazza alla guida

BrindisiReport è in caricamento