menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Decreto "Io resto a casa": le disposizioni governative per combattere l'epidemia

Il governo ha fatto un distinguo fra attività che resteranno aperte, attività chiuse e sospese e attività con limitazioni

Con il decreto approvato lunedì sera (9 marzo) dalla presidenza del consiglio dei ministri, vengono uniformate su tutto il territorio nazionale le misure straordinarie di contenimento dell’epidemia di Coronavirus. Il governo ha fatto un distinguo fra attività che resteranno aperte, attività chiuse e sospese e attività con limitazioni.

Aperti e attivi

- Farmacie, parafarmacie (anche se nei centri commerciali)

- Uffici comunali

- Cimitero

- Consegna pasti a domicilio

- Assistenza domiciliare

- Trasporti sociali

- Ambulatori medici (previo contatto telefonico)

- Mercati rionali

Chiusi e sospesi

- Sospensione dell’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado e degli asili nido, fino al 5 aprile

- Concorsi pubblici

- Eventi, congressi, iniziative e attività culturali

- Riunioni e assemblee in luogo pubblico o privato

- Centri sportivi e palestre

- Museo d’arte contemporanea

- Biblioteca civica

- Cinema e teatri

- Pub, scuole di ballo, sale gioco, sale scommesse, discoteche

- Centri benessere

- Cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri

Con limitazioni

- Giornate festive e prefestive: chiusura dei negozi all’interno dei centri commerciali (alimentari e farmacie esclusi)

- Sabato e domenica chiusura delle medie e grandi strutture di vendita

- Mercanti consentiti da lunedì a venerdì

- Bar e ristoranti: apertura consentita dalle 6 alle 18, con obbligo delle distanze di sicurezza di un metro e interdizione del servizio al banco: obbligo di chiusura dalle ore 18 alle 6 del giorno successivo

- Apertura di attività commerciali, supermercati, negozi di vicinato e mercati, sempre condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone

- Per i pubblici esercizi confermata l’apertura a condizione di garantire il mantenimento di distanza di almeno un metro tra clienti

- Eventi sportivi e allenamenti a porte chiuse solo per atleti tesserati professionisti

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola: il Tar sospende l'ordinanza regionale, si torna in aula

Attualità

Genitori e alunni contro la Dad: flashmob davanti alle scuole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Un Romeo a quattro zampe, Willy attende l'amata sotto al balcone

  • social

    Mesagne, bando "Honestas": proclamato il vincitore

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento