Venerdì, 23 Luglio 2021
settimana

Corruzione: indagati ex sindaco, ex consiglieri e dirigenti comunali

Inchiesta della finanza su restyling delle torri costiere, realizzazione di un impianto di distribuzione e nomina del figlio di un ex consigliere. Coinvolti anche due liberi professionisti

BRINDISI – Un’inchiesta su presunti episodi di corruzione riguardanti fatti risalenti al 2015 ha portato stamani all’emissione di un avviso di conclusione delle indagini preliminari a carico di nove persone, fra amministratori pro tempore del Comune di Brindisi, dirigenti/funzionari in servizio presso il medesimo ente e liberi professionisti. Coordinata dal procuratore aggiunto del tribunale di Brindisi, Antonio Negro, l’attività investigativa è stata condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Brindisi. Si procede per i reati di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio e di falsità ideologica e materiale commessa in atti pubblici. 

Gli indagati

Gli indagati sono: Mimmo Consales, ex sindaco di Brindisi; Pasquale Luperti, ex assessore all’Urbanistica; Salvatore Brigante, ex consigliere comunale; Costantino Del Citerna, già vice segretario generale del Comune di Brindisi, oggi responsabile del settore Servizi alla persona, contratti e appalti; l’architetto Fabio Lacinio, all’epoca dei fatti dirigente del settore Urbanistica, oggi responsabile del settore Lavori e Opere Pubbliche; il geometra Marina Mautarelli, già tecnico istruttore addetto al settore Urbanistica; Luigi Sergi, ex consigliere comunale; l’architetto Luigi dell’Atti, libero professionista; l’architetto Gregorio Paladini, progettista/direttore dei lavori di realizzazione di un impianto di distribuzione di gas metano.

Le accuse

Lacinio avrebbe ricevuto da Paladini “una imprecisata somma di denaro (pari a diverse centinaia di euro)” per un parere favorevole sulla pratica per la realizzazione di un impianto di distribuzione di gas metano per autotrazione. L’ipotesi di reato contestata è quella di corruzione. 

Accusati di corruzione anche Consales, Brigante, Del Citerna e Sergi. L’ex sindaco e l’ex consigliere Brigante, in particolare, avrebbero promesso al consigliere Sergi “di nominare il figlio quale assessore al Patrimonio e alla Casa presso il Comune di Brindisi”. Poi “solo Consales avrebbe promesso a Sergi di nominare il figlio quale componente del consiglio di amministrazione della Stp”. Infine “Consales e Del Citerna avrebbero nominato il figlio di Sergi quale componente dell’ufficio di supporto del sindaco”. Tutto questo in cambio dei voti favorevoli di Luigi Sergi rispetto a proposte deliberative della maggioranza consiliare

Il terzo e ultimo capo di imputazione viene contestato a Dell'Atti, Lacinio, Luperti e Mautarelli, accusati in relazione alla redazione del progetto definitivo dell’Intervento di restauro, valorizzazione e fruizione delle torri costiere Torre Testa/Torre Punta Penne, che sarebbe stato redatto da professionisti esterni all'amministrazione, senza incarico.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione: indagati ex sindaco, ex consiglieri e dirigenti comunali

BrindisiReport è in caricamento