rotate-mobile
settimana Ceglie Messapica

Primo e delicato intervento a cuore battente, nel team un cardiologo cegliese

Sergio Suma, 35 anni, dal 2019 lavora all'ospedale Maggiore di Parma dove si occupa di imaging cardiovascolare

CEGLIE MESSAPICA - Ha guidato il chirurgo su dove posizionare le corde in gore-tex sul lembo malato della valvola mitrale in modo tale da ripararla. Un intervento delicatissimo, a cuore battente, eseguito per la prima volta all'ospedale Maggiore di Parma, dove fondamentale è stato il contributo di Sergio Suma, 35enne, cardiologo, originario di Ceglie Messapica, da dieci anni nella Città di Giuseppe Verdi. Al Maggiore, Suma, dal 2019 è dirigente medico nel reparto di Cardiologia, stesso ospedale dove, ieri, venerdì 10 dicembre, l'equipe di cardiochirurghi, cardiologi e anestesisti ha eseguito un innovativo intervento di riparazione della valvola mitrale usando una nuova tecnica di approccio mininvasivo, con dispositivo Neochord, su una paziente di 81 anni, già guarita dal Covid.

TEAM OSPEDALE PARMA-2

Laureato alla facoltà di Medicina di Bari a 24 anni, nel 2018 si è specializzato in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare presso l’Università degli studi di Parma e durante il periodo di formazione universitaria ha fatto diverse esperienze all’estero (l'ultima presso il dipartimento di Ecocardiografia del Royal Brompton Hospital di Londra) approfondendo in particolare la metodica ecocardiografica e di risonanza magnetica nucleare cardiaca. Da alcuni anni si occupa, in particolare, delle metodiche di imaging cardiovascolare avanzato, specializzazione fondamentale in caso di pazienti con insufficienza mitralica che necessitano di sottoporsi ad intervento, come nel caso della 81enne. 

"Al chirurgo - spiega il dottore Suma - serve conoscere le caratteristiche morfologiche della valvova e questo avviene con la ricostruzione in 3D e con le nuove metodiche ecografiche. Interventi come quello di ieri sono riservati a casi particolari in cui è fondamentale la selezione pre operatoria della quale mi occupo io con uno screening anatomico, per capire se il paziente può andare incontro a questo tipo di chirurgia che prevede un piccolo taglio nel torace attraverso il quale si accede al ventricolo, usando il dispositivo Neochord, per fissare nuove corde alla valvola". L'intervento avviene a cuore battente e non richiede particolari tipi di intubazione selettiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primo e delicato intervento a cuore battente, nel team un cardiologo cegliese

BrindisiReport è in caricamento