Martedì, 3 Agosto 2021
settimana

Mesagne, muore il 45enne Tony "Tacca": la famiglia dona gli organi

Antonio Mitrugno si è spento nella notte del 16 luglio lasciando nel dolore l’intera comunità mesagnese, ma compiendo l'ultimo gesto d'amore

MESAGNE - Organi donati a chi da tempo attendeva un trapianto: l’ultimo gesto d’amore di Antonio Mitrugno, alias Tony Tacca, è stato quello di contribuire a salvare altre vite. Un gesto voluto fortemente ed espresso in più occasioni dal 45enne di Mesagne che ha permesso alla sua morte, avvenuta nella notte tra il 15 e il 16 luglio per le conseguenze di un ictus che lo ha colpito l'8 luglio scorso, il prelievo multiorgano con destinazione in tutta Italia.

L’espianto si è concluso alle 7 di questa mattina, 16 luglio, dopo un’attività di osservazione cominciata nel pomeriggio di ieri, fa sapere una nota dell’Asl Brindisi. “Dopo alcuni casi di opposizione, questa è la seconda donazione del 2021” dice il direttore Giuseppe Pasqualone. Le attività sono proseguite nella notte in sala operatoria con équipe arrivate da Bari, che hanno lavorato insieme a quelle di Urologia e Oculistica dell’ospedale Perrino.

“Siamo vicini ai familiari per la grave perdita, prosegue il direttore generale Giuseppe Pasqualone, un dolore simile è difficile da sopportare per una vita ancora così giovane. Ringrazio la famiglia, anche a nome di tutta la direzione aziendale, per aver espresso l’assenso alla donazione e aver contribuito a salvare altre vite”

Il coordinatore delle attività di prelievo del Perrino, Massimo Calò, esprime immensa riconoscenza alla moglie che si è mostrata da subito favorevole alla donazione, e ringrazia tutti i professionisti e gli operatori sanitari coinvolti nel delicato processo.

Tony Tacca lascia la giovane moglie, la madre, i cari e gli amici in un dolore indescrivibile che solo un’anima come la sua scava nel profondo di tutti. E lo ha fatto nel giorno della festa patronale, il 16 luglio, in cui la città di Mesagne celebra la Madonna del Carmine.

Ogni mesagnese ha un ricordo di Tony Tacca, i profili Facebook sono invasi di sue foto, chi cambia la propria immagine del profilo per inserirne una scattata con lui, accompagnata dalle parole “Rip amico mì”. Un’intera comunità piegata dal dolore della perdita di un cittadino amico di tutti, persona buona e gentile, col sorriso stampato sul viso che cambiava una giornata partita male. Ha dispensato consigli ai giornalisti della città, ai carabinieri e ai poliziotti perché secondo lui poteva sempre farsi meglio.

Tra i diversi lavori in cui è stato impiegato, da dipendente del MercatoneUno di Brindisi al servizio di vigilanza presso l’aeroporto di Brindisi, ha lasciato spazio all’interesse per il cinema figurando nelle pellicole girate a Mesagne dal regista Sergio Rubini e costruendo con lui un rapporto di amicizia e profonda stima.

E poi lo sport, la sua passione, campione regionale e nazionale di tiro a segno che gli ha sempre regalato forti emozioni e soddisfazioni. Da anni si allenava col team di shooter “Caramella” di Trepuzzi facendo incetta di medaglie e condividendo con i compagni di squadra gioie, dolori e fatiche.

“Solo per un’amicizia autentica, pulita, sincera, disinteressata, solo per un amico buono e generoso si può provare un dolore così grande come quello che stiamo provando, come quello che sto provando” ha scritto il sindaco Toni Matarrelli sul proprio profilo facebook nella notte del 16 luglio, annunciando la scomparsa del caro Tony Tacca, volanto in Cielo nel raggio del suo ultimo gesto d’amore.

Il rito funebre sarà celebrato sabato 17 luglio alle 10.30 presso la chiesa di San Pio da Pietralcina, a Mesagne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mesagne, muore il 45enne Tony "Tacca": la famiglia dona gli organi

BrindisiReport è in caricamento