settimana Fasano

Violenza sessuale in spiaggia: ragazza aggredita mentre prende il sole

Il presunto predatore sessuale è un 41enne, arrestato e condotto in carcere. La vittima ha spiegato ai carabinieri che lo sconosciuto le si è avvicinato alle spalle, la giovane ha allertato gli altri bagnanti

FASANO - Prendeva tranquillamente il sole sulle spiaggia del litorale fasanese quando è stata avvicinata da uno sconosciuto. Quest'ultimo ha iniziato a compiere atti sessuali: è quanto emerge dalla denuncia di una vittima, presentata ai carabinieri della compagnia di Fasano. Il presunto autore della violenza sessuale è stato individuato grazie alle indagini dei militari. L'uomo è stato arrestato ieri (giovedì 30 settembre 2021) dal personale di polizia giudiziaria del nucleo operativo e radiomobile della compagnia Carabinieri di Fasano, diretta dal comandante Massimo Cicala, unitamente a quello della locale stazione dei militari, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Brindisi Valerio Fracassi.

L'arrestato è S.G, 41enne, definito in una nota della Procura di Brindisi come "recidivo specifico" e "predatore sessuale". I carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Paola Palumbo, grazie alla descrizione della vittima hanno stretto il cerchio intorno all'uomo. L'episodio è avvenuto agli inizi di settembre. La ragazza era intenta a prendere il sole sul litorale fasanese, tra Torre Canne e Monopoli. A un certo punto un uomo le si è avvicinato alle spalle. Il predatore sessuale l'ha aggredita, le si è sdraiato addosso, ha provato a strapparle il costume da bagno.

La ragazza ha chiamato aiuto, allertando alcuni bagnanti, che l'hanno soccorsa, mentre l'uomo si è dato alla fuga. La giovane si è rivolta ai carabinieri della compagnia di Fasano. I militari hanno avviato subito le indagini subito dopo la denuncia-querela sporta dalla vittima. La descrizione minuziosa dell'assalitore ha permesso ai carabinieri di risalire all'identità del 41enne, che ora deve rispondere del reato di violenza sessuale (articolo 609 bis del codice penale).Gli inquirenti hanno condotto le indagini facendo attenzione a tutelare l'identità della vittima, per preservarla.

Lo scenario emerso è, secondo il gip Fracassi, "particolarmente allarmante" e indicativo delle "intenzioni predatorie" e dunque della "notevole pericolosità specifica". S.G. viene definito "predatore sessuale". Quest'ultimo è stato condotto in carcere e, nei prossimi giorni, sarà sottoposto all'interrogatorio di garanzia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenza sessuale in spiaggia: ragazza aggredita mentre prende il sole

BrindisiReport è in caricamento