Martedì, 27 Luglio 2021
settimana

New Arena: appuntamento sul cantiere entro fine anno

Firmata stamattina la convenzione fra Comune e l'Ati capeggiata dalla New Basket Brindisi per la realizzazione del palaeventi: "Un impianto che farà crescere la città"

Da sinistra, Oreste Pinto, Riccardo Rossi, Nando Marino, Tullio Marino, Giuseppe Durano

BRINDISI – La posa della prima pietra potrebbe arrivare come regalo di Natale, per una tifoseria che da decenni aspettava una struttura del genere. Stamattina (venerdì 21 maggio) il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, e il presidente della New Basket Brindisi, Nando Marino, hanno sottoscritto la convenzione per la realizzazione del palaeventi brindisino. Si tratta di un appuntamento storico che giunge a due giorni da un evento altrettanto storico, come gara uno della semifinale playoff scudetto fra Happy Casa Brindisi e Virtus Bologna, che domenica 23 maggio (ore 20.45) si disputerà al PalaPentassuglia. 

La “New Arena” sorgerà proprio accanto al vecchio impianto di contrada Masseriola, ormai inadatto alle esigenze di una società che vuole puntare a nuovi orizzonti in ambito cestistico, facendo da volano allo sviluppo di una città che grazie al palaeventi potrà accogliere eventi sportivi internazionali, concerti dei big della musica e meeting. Le agognate firme sono state apposte nella sala Università di palazzo Nervegna, in presenza anche dell’assessore allo Sport, Oreste Pinto, preziosissimo nel sostenere un progetto che più volte ha rischiato di incagliarsi fra i meandri della burocrazia, del general manager della Happy Casa Brindisi, Tullio Marino, e dell’avvocato Giuseppe Durano.

Convenzione New Arena 3-2

Quest’ultimi stanno seguendo rispettivamente sotto l’aspetto manageriale e legale l’Ati (associazione temporanea di imprese) capeggiata dalla New Basket Brindisi e composta dalla New House di Antonio Benarrivo, dalla società Vienna, dalla B.G. Costruzioni, dalla ditta Bagnato Luigi, dalla ditta Petito Prefabbricati e dalla Edil Gamma. Sempre nella sala universitaria di palazzo Nervegna due anni fa il sindaco Rossi e il governatore Michele Emiliano firmarono il protocollo fra Comune e Regione per la realizzazione del progetto. L’iter burocratico, complicato dalla pandemia, è stato più lungo del previsto, per ammissione dello stesso primo cittadino.

Ma a partire da oggi la strada dovrebbe essere in discesa. I prossimi step? Entro la prossima settimana l’Ati dovrebbe presentare il progetto esecutivo. Poi verrà convocata la conferenza dei servizi: ossia un tavolo che riunirà tutti gli enti territoriali chiamati a esprimere il proprio parere sull’opera, dai vigili del fuoco all’Asl, passando per l’Autorità di Bacino, la Soprintendenza e altri ancora. Una volta ottenuto il permesso a costruire, potranno iniziare i lavori. La speranza è quella di poter avviare il cantiere fra novembre e dicembre 2021. Dopo di che, entro 18 mesi, il palaeventi sarà pronto. Si tratta di un impianto polifunzionale da 7mila spettatori con una vasta area parcheggi. Al suo interno è prevista la realizzazione di una palestra, bar, area ristoro, un centro per la riabilitazione di sportivi e comuni cittadini in fase di recupero dopo un infortunio. Il costo complessivo dell’opera è pari a circa 15 milioni di euro. Vi contribuiranno, come da convenzione stipulata due anni fa, la Regione Puglia, il Credito sportivo, l’amministrazione comunale (per quel che riguarda l’esproprio dei terreni e le opere di urbanizzazione) e la stessa ati New Arena. 

Convenzione New Arena 2-2

Guarda le videointerviste

"Una data storica per la città"

“Sarà il palaeventi – dichiara Riccardo Rossi – più importante del Mezzogiorno. Arriva nel momento più importante nella storia del basket. L’impianto sarà al servizio di un intero territorio, fra sport, eventi culturali e concerti. Non vediamo l’ora di poter entrare”. L’assessore Pinto sostiene di non aver mai temuto che il progetto potesse arenarsi irrimediabilmente. “Ci abbiamo creduto – dichiara -  tutti insieme. Consci di fare qualcosa di storico per la città. Forza ed entusiasmo ci hanno fatto superare qualsiasi tipi di avversità, anche quelle legate al Covid. Oggi proviamo l’emozione di aver chiuso un ciclo, a sugello di una procedura dura, lunga, che non si era mai fatta. I dirigente comunali son stati bravi, capaci e consapevoli di fare qualcosa di importante per la città”. L’appuntamento, dunque, è rinnovato a fine anno, per la posa della prima pietra, che “in realtà – spiega Nando Marino – sarà qualcosa di più di una pietra, visto che si realizzerà un prefabbricato”. “Il palaeventi – dichiara il presidente della New Basket – farà crescere e consoliderà il progetto sportivo, oltre ad aumentare l’attrattività della città. Grazie a sindaco, assessore, tecnici e a tutti coloro i quali hanno lavorato in questo periodo così difficile”. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

New Arena: appuntamento sul cantiere entro fine anno

BrindisiReport è in caricamento