E' morto Custodero: il calciatore "guerriero" che aveva scelto la sedazione profonda

Si è spento a 27 anni l'ex portiere di calcio a 5 colpito da cancro alle ossa. Con il Fasano aveva militato in Serie C2

FASANO – Si è spento Giovanni Custodero. L’ex portiere di calcio a 5 originario di Pezze di Greco, frazione di Fasano, che sui social network raccontava la sua battaglia contro un sarcoma osseo è morto stamattina (domenica 12 gennaio) a soli 27 anni. Una settimana fa il giovane aveva annunciato sul suo profilo Facebook l’intenzione di porre fine alle sofferenze, optando per il coma farmacologico.

“Sono ormai stanco. Ho deciso di trascorrere le festività – scriveva Custodero - lontano dai social ma accanto alle persone più importanti. Ora che le feste sono finite, al pari della mia forza, ho deciso che non potrò continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che il destino ha in serbo per me. Sarò sedato e potrò alleviare il mio malessere”.

Ex portiere fra le file del Fasano, nel campionato di C2, Custodero ha dovuto abbandonare la carriera agonistica dopo la terribile diagnosi. Supportato dagli amici, dalla famiglia e dal mondo del calcio, Custodero aveva dato vita a una raccolta fondi attraverso la vendita di magliette dello "Smiling warrior", in occasione della partita Lecce-Juventus disputata lo scorso ottobre.

Custodero ha dovuto subire l’amputazione della gamba sinistra. Nonostante le sedute di chemio e radio terapia, il cancro si è esteso ad altre parti del corpo, facendolo sprofondare in una lunga agonia. Il coraggio con cui ha affrontato la malattia ha commosso l’intera nazione. I funerali verranno celebrati lunedì 13 gennaio, alle ore 15, presso la parrocchia di Santa Maria del Carmine, in piazza della Concordia, a Pezze di Greco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

Torna su
BrindisiReport è in caricamento