menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parcheggi a Brindisi, si cambia dal primo gennaio: più posteggi e tariffe differenziate per zone

A disposizione 217 stalli in più: 117 gratuiti, tra via Spalato, via Tor Pisana e via del Mare. Gratis anche la navetta. Mini sosta in corso Garibaldi: mezz’ora a un euro, la mattina dalle 10,30 alle 12,30 e poi dalle 17,30 alle 19,30. Zone verde con disco orario in piazza Anime, zona rossa con ticket maggiori in piazza Matteotti. Pass per residenti validi ovunque

BRINDISI – Anno nuovo, piano della sosta nuovo nella speranza di riuscire a conciliare le esigenze degli automobilisti, dei commercianti e l’interesse di tutti alla tutela dell’ambiente, con riduzione del traffico e conseguentemente dello smog.

Conferenza stampa sul nuovo piano dei parcheggi-2

Le novità

Mica facile. Ma l’esperimento è pronto a partire con 217 stalli in più nella zona del Centro (tallone d’Achille per Brindisi in termini di viabilità), 117 dei quali gratuiti, e tariffe differenti a seconda della zona: blu tradizionale con un euro l’ora, verde con disco orario e rossa a tariffa di due euro dopo la prima ora di sosta. Il principio posto a base dei radianti è quello della distanza: più ci si avvicina a Palazzo di città, cuore pulsante del centro, più il ticket aumenta, anche in base al periodo di sosta. E ovviamente, più ci si allontana, più si in diritto di ottenere il parcheggio gratis. Con navetta sempre gratis.

Giuffré: "Dobbiamo alleggerire il centro"

La struttura commissariale, l’amministratore unico della Multiservizi  Giovanni Palasciano e il presidente della Stp Rosario Almiento hanno varato il piano in via sperimentale, nella consapevolezza che ci saranno critiche, nella speranza di riuscire a superare le criticità del passato, avendo come punto di partenza la conferma della chiusura al traffico della zona dei tre corsi. Per stessa ammissione dei dirigenti di Palazzo di città, il piano precedente, era confusionario: “Le zone blu e quelle bianche sono state posizionate, all’epoca, in maniera sclerotica, senza un filo conduttore, ingenerando confusione negli utenti”, ha detto Gianluca Cuomo, autore del nuovo piano assieme a Fabio Lacinio. “Io stesso non ho ben chiaro dove è possibile parcheggiare a pagamento e dove, invece, gli stalli sono gratis. E questo genera un ulteriore flusso di traffico con congestionamento della zona del centro e ripercussioni sulle casse del gestore, Multiservizi”.

tamponamento corso Garibaldi-2

Corso Garibaldi

Con l’obiettivo di ascoltare sia le richieste degli automobilisti che quelle dei titolari degli esercizi commerciali, alle prese con una desertificazione della zona, il Comune ha deciso di consentire la sosta temporanea lungo corso Garibaldi: saranno a disposizione 28 posti, per mezz’ora, la cosiddetta sosta lampo dietro pagamento di un euro, a fronte del pagamento di un euro. La possibilità è prevista solo in determinate fasce orarie: dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 17,30 alle 19,30. In tal modo dovrebbe essere garantito il turn-over, vale a dire un ricambio delle auto.

Disco orario nella zona di colore Verde

Partendo dalla zona a traffico limitato, il Comune ha disegnato tre zone ai fini della sosta, contraddistinte da colorazione differente alle quali corrispondono tariffe diverse. Nell’area verde sarà possibile parcheggiare con disco orario per un’ora: gli stalli individuati sono 42 e sono stati distribuiti tra piazza Anime (quattro posti), in Largo Pizzigallo (dieci posti),  via Annunziata (quattro), via Cessare Battisti (undici), via San Dionisio (undici) e via Protospata (due).

Piazza Matteotti 2-2

La zona rossa

La zona di colore rosso è quella vicina al Comune. Rosso appunto perché più intenso è il flusso veicolare, con annessa rabbia degli automobilisti per la mancanza di stalli. L’area è stata tratteggiata nel seguente modo e comprende 117 posti auto: piazza Matteotti (15 stalli), via Amena (tre), via Casimiro (28), in via Filomeno Consiglio (21), via Ferrante Fornari (nove) via Marco Pacuvio (cinque), via Rubini (tre), via San Nicolicchio (sei) e via Santi (23). In questo caso, per la posta sarà introdotta una tariffa di un euro per la prima ora e di due euro per ogni ora successiva.

La zona blu

Le restanti strade e piazze del centro rientrano nella zona di colore blu: qui il ticket resta pari a un euro l’ora per ogni ora di sosta. I posti disponibili sono 366 complessivamente: corso Roma (135), largo Palumbo (sette), largo Pipino (tre), piazza Anime (21), piazza Cavalerio (16), via Belvedere (dieci), via Cesare Battisti (sei), via Conserva (14), via de’ Flagilla (sei), via del Mare (57), via Lata (35), via Mattonelle (12), via Santa Lucia (dieci), via San Sebastiano (dieci), via Vanini (otto), vico Martinez (quattro).

Per tutte le aree di sosta, verde, rossa e blu, le tariffe si riferiscono alla fascia oraria che parte dalle 8 per terminare alle 21. Nei  giorni prefestivi sino alle 24.

Gli stalli bianchi e quelli rosa

I posti auto non a pagamento, contraddistinti dalle strisce di colore bianco, sono stati previsti in via del Mare, per un totale di 97, e in via Tor Pisana ad esclusione di quelli vicini agli uffici. Confermati gli stalli rosa per le donne in gravidanza: due in corso Roma, due in via Filomeno Consiglio e due in via Pisanelli.

Per lo scarico delle merci, le aree sono state individuare in corso Garibaldi (cinque), corso Roma (tre), largo Pizzigallo (uno), piazza Mercato (sei), piazzetta Rubini (due), via Cesare Battisti (12), via del Mare (uno), via Filomeno Consiglio (uno), via Ferrante Fornari (due), via Pisanelli (quattro), via Rubini (uno), via San Dionisio (due), via Santi (due).

Bus navetta Stp-2

La navetta

Il servizio navetta, messo a disposizione dalla Stp, sarà gratuito e assicurerà la copertura del tragitto da piazza Cairoli passando per Porta Lecce, arrivando anche in piazzale Lenio Flacco attraversando via del Mare ed il Lungomare Regina Margherita. “E’ solo una questione di abitudine”, ha detto il presidente della Stp, Almiento. “Brindisi, purtroppo, sconta l’arretratezza in ordine alla mobilità, complice la discontinuità amministrativa e la mancanza di programmazione. Ma non vedo per quale motivo noi non possiamo avere un centro dignitoso, pieno di gente, come quelli di Lecce o Bari”.

Pass per residenti e lavoratori

Per i residenti nella zona del Centro, il Comune ha previsto la possibilità di posteggiare ovunque con il pass a pagamento, superando la criticità sollevata da un comitato composto da diversi brindisini costretti a parcheggiare molto lontano dalle proprie abitazioni, per effetto delle zone che per loro oggi sono off limits, pur avendo acquistato l’abbonamento. Il costo annuale è pari a 60 euro. C’è la possibilità di averne un secondo a fronte di 30 euro al mese. Per i residenti nelle zone a traffico limitato il costo del pass sale a 90 euro. L’abbonamento per lavoratori è pari a 220 euro l’anno, frazionabile in due periodo da sei mesi a 110 euro. Prevista l’opzione light per 120 euro l’anno, frazionabile in semestre per 60 euro.

Piano parcheggi Brindisi 3-2

Il Comune ha evidenziato un crollo nei ricavi per i passi destinati ai residenti e ai lavoratori: nel primo, stando ai conteggi, negli ultimi anni c’è stato un calo del 58,31 per cento da 1.878 pass ai 783 sottoscritti negli ultimi 12 mesi, nel secondo del 45,38 per cento, da 260 pass a 142. Un’ulteriore valutazione in termini economici, ha portato a ritenere pari al 34 per cento (appena) il “rendimento medio degli stalli a pagamento della zona del centro”. Poco, pochissimo per la Multiservizi. 

Alla conferenza stampa era presente Riccardo Rossi, già candidato sindaco per Brindisi Bene Comune, consigliere comunale uscente. Presente anche l'ex assessore all'Urbanistica Giampiero Campo. Assenti gli altri esponenti politici, impegnati nella campagna elettorale già partita in vista della prossima tornata per la scelta del sindaco e dei 32 consiglieri.

Allegati

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento