rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
settimana

Post elezioni nel Brindisino: il Pd esce rafforzato, in Fdi c'è delusione per il risultato

Gli occhi erano puntati sui due partiti più forti a livello nazionale. Ma a livello locale le dinamiche sono differenti. Rogoli: "Orgogliosi del risultato ottenuto". Caroli: "Gli equilibri di coalizione non sono stati il massimo"

BRINDISI - Stando a un recentissimo sondaggio di Emg il primo partito in Italia è Fratelli d'Italia, non una novità, con il 28 per cento tondo. A seguire, il Partito Democratico, col 20,5 per cento, in risalita continua. Ora, paragonare il dato nazionale con i risultati elettorali nei Comuni è attività oziosa e inutile, in quanto le narrazioni sono, ovviamente, differenti e i rapporti di forza sono governati da dinamiche completamente diverse. Terminata la premessa - scontata e d'obbligo - il dato di un partito a livello nazionale può influire sul risultato locale, in una qual certa misura, non foss'altro che il "marchio" pesa. Leggendo i risultati delle Amministrative 2023 nel Brindisino, appare evidente come il Partito Democratico abbia migliorato la propria prestazione nei Comuni dove si è presentato col proprio "brand". Per quanto riguarda Fratelli d'Italia, il discorso è più complesso, le aspettative erano ben altre. Ma comunque ha registrato una crescita di consensi a Brindisi e Francavilla Fontana.

Francesco Rogoli

Rogoli (Pd) sorride, Caroli (Fdi) riflette

Il Pd governa a Francavilla Fontana e a Ostuni e a Brindisi corre per il ballottaggio, appoggiando il candidato sindaco Roberto Fusco. In una recente dichiarazione, il segretario provinciale dei Democratici, Francesco Rogoli, ha spiegato: "Il Pd è il primo partito a Brindisi, a Ostuni e a Francavilla Fontana. Un dato, questo, registrato in tre dei quattro comuni dove eravamo presenti con il nostro simbolo, che ci rende orgogliosi e ci carica di grandi responsabilità nella nuova fase che si apre dopo le Amministrative". Rogoli ha rivendicato il progetto di un centro-sinistra unito ("abbiamo lavorato per unire la coalizione democratica e progressista") e ha ringraziato tutti coloro che si sono impegnati. Di tutt'altro umore il coordinatore provinciale di Fratelli d'Italia, Luigi Caroli. Come noto, il centro-destra nei vari Comuni chiamati al voto, ha impiegato più tempo per individuare il candidato sindaco di coalizione. Caroli fa notare la crescita di Fdi a Brindisi e a Francavilla, ma il 2018 è un'altra era, politicamente parlando, quando il partito di Giorgia Meloni era comprimario e non attore protagonista. Spiega Caroli: "Se i nostri partner non avessero tirato per le lunghe la questione, avremmo assistito a un altro risultato. A Francavilla, per esempio, saremmo potuti andare al ballottaggio, ma i nostri ritardi ci sono costati cari in termini di consensi. Speriamo si faccia tesoro di questa esperienza. Devo constatare che, nella coalizione, gli equilibri non sono il massimo".

Francesco Cannalire-3

I dati dei due partiti a Brindisi

Analizzando i dati nudi e crudi, rispetto al 2018, il Partito Democratico è cresciuto nel capoluogo adriatico. Nella scorsa tornata elettorale, il Pd aveva raccolto 4.079 preferenze, pari al 6,94 per cento dei voti. Oggi ha raccolto 5,442 voti, pari al 13,98, attestandosi come primo partito in città. Eppure la campagna elettorale non è stata agevole, poiché i Democratici hanno deciso di concludere l'alleanza con Riccardo Rossi e di puntare su Roberto Fusco, che sarà della partita al ballottaggio contro Giuseppe Marchionna. E' stato un rischio calcolato, dato che anche Rossi pesca nell'elettorato progressista. Il sindaco uscente, appoggiato da una sola lista, ha raggiunto un risultato comunque lusinghiero: 4.138 preferenze. Il segretario cittadino Pd, Francesco Cannalire, spiega: "In questi anni gli assessori e i consiglieri comunali del Pd si sono adoperati con lealtà, rispetto istituzionale e grande dedizione per il rilancio di Brindisi. E in queste ultime settimane la trasformazione della città inizia a compiersi tramite i grandi progetti che finalmente iniziano a prendere forma. E' evidente che i brindisini hanno premiato questo metodo riconoscendo, con il loro voto, il ruolo centrale del Pd a Brindisi". Dall'altro lato della barricata, nel centro-destra c'è stata la "sfida" tra Marchionna e Pietro Guadalupi, vinta dal primo. Questo, nell'analisi di Luigi Caroli, ha influito sul risultato di Fdi, privo dell'apporto in termini di voti dello stesso Guadalupi. Nel 2018 Fdi in tandem con una lista di Ciullo, aveva portato a casa 2.663 preferenze (6,30 per cento). Alle ultime Amministrative ha raccolto 3.969 consensi (10,14 per cento). Un aumento - è evidente - c'è stato, ma nel partito le aspettative erano ben altre.

LUIGI CAROLI-4

I risultati a Carovigno, Francavilla e Ostuni

Andando a guardare i dati nei Comuni della provincia di Brindisi, Carovigno a parte, il trend è quello. A Francavilla Fontana Fdi ha espresso il candidato sindaco nella persona di Michele Iaia, ma dopo l'ennesima tribolata dialettica interna alla coalizione. I voti raccolti sono stati 1.192 (6,43 per cento), contro i 537 (2,59 per cento) del 2018. Anche qui, la crescita c'è stata, ma l'"effetto-Meloni" non sembra essere arrivato. Anche a Carovigno Fratelli d'Italia ha potuto esprimere il candidato sindaco, il giovane farmacista Francesco Lotesoriere, ma quest'ultimo non competerà al ballottaggio. A Ostuni Fdi, che ha appoggiato Antonella Palmisano, esprimerà due consiglieri, all'opposizione, naturalmente. Per quanto riguarda il Partito Democratico, a Francavilla Fontana ha sfiorato le 4 mila preferenze (3,995, pari al 21,54 per cento). Nel 2018, dove comunque c'erano liste civiche di area che hanno pescato nell'elettorato Democratico, si fermò all'11,75 per cento (2.432 voti). Adesso ha dato un apporto determinante alla rielezione di Denuzzo. Anche a Ostuni il Pd è parte integrante della maggioranza: i voti sono stati 2.082 (11,88 per cento); nel 2018 erano stati 1.148 (9,88 per cento). Deludente il risultato a Carovigno: 352 preferenze (3,63 per cento). Pd e M5S non hanno toccato palla. Fdi, sia che vinca Radisi, sia che vinca Lanzilotti, qui porterà a casa due consiglieri comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Post elezioni nel Brindisino: il Pd esce rafforzato, in Fdi c'è delusione per il risultato

BrindisiReport è in caricamento