Martedì, 3 Agosto 2021
settimana

Incendio devasta colli: fiamme domate, bruciati ettari di vegetazione

In corso la stima dei danni provocati dal rogo che per tutta la giornata di ieri ha investito le colline ostunesi. Decine di lanci dei Canadair

BRINDISI – Il Canadair ha effettuato il suo ultimo lancio intorno alle ore 19:30 di ieri, quando le fiamme ancora divampavano, divorando vegetazione e macchia mediterranea. Qualche ora dopo la situazione tornava alla normalità. Stamattina (mercoledì 2 luglio) è in corso la stima dei danni causati dal rogo che per un'intera giornata ha devastato i colli di Ostuni, lungo la strada panoramica per Casalini, frazione di Casalini.

Due canadair (il primo arrivato in mattinata, il secondo nel pomeriggio, entrambi dall’aeroporto di Ciampino) hanno operato per ore, coordinati da terra dai vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi e dal personale dell’Arif. Le operazioni sono state complicate dal vento di maestrale che agitava il Mar Adriatico, costringendo i piloti a effettuare il rifornimento idrico nel bacino del porto di Taranto. Più di 70 lanci sono stati effettuati nel giro di circa 9 ore. 

Il rogo si è sviluppato in una zona impervia, inaccessibile dalle squadre da terra. L’area è stata presidiata dalla Polizia Locale, dal commissariato di polizia, dai carabinieri della locale stazione e dai carabinieri forestali. Sul posto anche i volontari della Protezione Civile. La colonna di fumo è stata avvistata nel raggio di chilometri, da mattina a sera. Dopo il tramonto, i bagliori hanno colorato di rosso uno spicchio di orizzonte. In tarda serata, l'incendio è stato domato. Fin dalle prime luci di oggi tutte le strade sono tornate percorribili. I vigili del fuoco hanno effettuato un ulteriore sopralluogo, per mettere a tacere eventuali focolai. Decine di ettari di vegetazione sono stati investiti dal rogo. L'origine della combustione è da appurare. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio devasta colli: fiamme domate, bruciati ettari di vegetazione

BrindisiReport è in caricamento