Sabato, 12 Giugno 2021
settimana

"Con gli innesti combattiamo la Xylella, ma la politica ci dovrebbe aiutare"

L'appello dell'agricoltore Umberto Calò. Il Leccino è una specie resistente, ma la pratica richiede tempo ed è costosa

Umberto Calò

TORRE SANTA SUSANNA - "Sembra che piangano, la Xylella li rovina. E rovina chi ama gli olivi, rovina noi agricoltori". Umberto Calò sistema la visiera del cappello e guarda l'albero accanto. Lì è stato operato un innesto, di Leccino, una specie resistente alla Xylella (l'altra è FS-17 o "favolosa"). L'agricoltore torrese, 57 anni, rimira il risultato e sospira: "Per ora, sembra funzionare. Il futuro ci dirà se è davvero resistente, se quest'albero darà i frutti, i frutti di cui viviamo noi". Umberto Calò ha una piccola azienda e poi è il presidente di una cooperativa, "Dal produttore al consumatore", che conta 60 soci e 100 ettari di uliveto.

olivo colpito da xylella-3

Calò conosce da anni l'importanza della "monna", della potatura. Negli anni ha imparato anche cosa sia la Xylella e cosa sia la sputacchina, il suo vettore. Ha imparato, sulla propria pelle, quanto sia devastante il batterio, come distrugge gli olivi. E ha imparato che al momento l'unico modo per combattere la Xylella, oltre alla dolorosa eradicazione, è l'innesto di specie resistenti al batterio. Lui sui suoi Cellina e Ogliarola di Nardò ha innestato il Leccino. Certo, si perdono le qualità originarie, ma almeno si prova a salvare la pianta. "Io sto imparando da un agricoltore di Monopoli - spiega Umberto Calò - ma ci vuole tempo. E per ora i costi degli innesti sono alti, almeno venti euro all'ora. Per questo chiedo che la politica ci dia una mano".

innesto leccino xylella-2

Sono stati pensati dei fondi per gli innesti, ma i contributi vanno solo per gli olivi millenari. Non è il caso di Calò, quindi, e dei soci della cooperativa. Non ci sono olivi monumentali. Dunque, niente contributi. "Purtroppo si perdono le varietà e la qualità - prosegue Calò - Io ho puntato sul Leccino perché si trova più facilmente in commercio". I suoi uliveti insistono tra Torre Santa Susanna e Mesagne. Per Umberto Calò sarebbe importante avere un aiuto concreto dalla politica locale, per questo lancia il suo appello: "Gli innesti per ora sembra che funzionino, che ci aiutino. Ma noi a nostra volta abbiamo bisogno di un altro aiuto, di natura economica, l'aiuto della politica, affinché ci dia una mano. Gli innesti sono utili, ma sono anche costosi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Con gli innesti combattiamo la Xylella, ma la politica ci dovrebbe aiutare"

BrindisiReport è in caricamento