menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bandiere Arancioni dei "Borghi più belli d'Italia" a Oria e Cisternino

Tredici in tutte quelle assegnate alla Puglia nel ventennale dell'iniziativa ideata dal Touring Club Italiano

Ci sono Cisternino ed Oria a piantare in provincia di Brindisi le Bandiere Arancioni 2018 del Touring Club Italiano, assieme ad altri 11 centri pugliesi inclusi tra i “Borghi più belli d’Italia”. Compie 20 anni  l’idea del Tci che coinvolge i comuni italiani dell'entroterra con meno di 15 mila abitanti, per elevare lo sviluppo locale attraverso l’integrazione nei processi di crescita della qualità dell’offerta turistica. Lo scopo è affine a quello delle Bandiere Blu che premiano le realtà virtuose della costa, ma la vocazione di un territorio comprende anche i sui piccoli centri storici, le sue colline, le sue campagne, la ricettività, i beni culturali e le risorse dell’agroalimentare e delle tradizioni locali.

Con 19 new entry e 4 bandiere ritirate rispetto al 2017, si assesta a 227 il numero di Comuni premiati per il 2018. La regione più arancione è la Toscana, che con 38 borghi si conferma una destinazione perfetta per gli amanti dei piccoli centri storici. Seguono il Piemonte, con 28 Comuni, e le Marche, con 21 Bandiere arancioni. Sono 20 i borghi premiati in Emilia Romagna, 19 nel Lazio, 15 in Liguria e 13 in Puglia e in Lombardia. Solo l’8 o per cento delle candidature è stata accolta: 227 Comuni su 2.838 che si erano proposti. Perché la forma di turismo che il Touring da 123 anni porta avanti non è solo un pur necessario business, «ma è soprattutto un elemento di integrazione sociale dei valori materiali e immateriali dei territori».

Oria-4

In Puglia, le bandiere Arancioni sono andate ad Alberona, Rocchetta Sant’Antonio, Orsara di Puglia, Troia, Bovino, Sant’Agata di Puglia e Pietramontecorvino per la provincia di Foggia. In provincia di Lecce premiate Specchia e Corigliano d’Otranto, per quella di Bari ce l’hanno fatta  Locorotondo e Alberobello, e per quella di Brindisi le già citate Oria e Cisternino.  Le bandiere arancioni, è stato sottolineato a Palazzo Ducale a Genova, durante la cerimonia di premiazione dei nuovi borghi entrati nel novero delle realtà premiate, costituiscono un elemento che ha effetti positivi sui territori interessati, come dimostrano alcuni numeri di questi anni: “Nel 79% dei Comuni sono state aperte nuove strutture ristorative, gli arrivi sono aumentati in media del 45%, le presenze del 38%”.

Questa è la crescita turistica cui contribuisce attivamente il Tci, che per ogni Comune, anche quelli che in prima istanza non si vedono assegnare il riconoscimento, elabora dei piani di miglioramento ad hoc per accompagnare i territori verso l'innalzamento dell'offerta. Così nella visione del Touring attrattività turistica e benessere dei residenti finiscono per coincidere, come ha spiegato il presidente del Touring,  Franco Iseppi. «In questi anni abbiamo lavorato insieme con una finalità comune: far crescere il turismo valorizzando le distintività di ogni comunità. Consapevoli che il turismo può diventare il fuoco che alimenta uno sviluppo che può garantire benessere alle comunità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Torna ad aumentare il numero dei positivi e dei decessi in Puglia

  • Cronaca

    Sprangate contro l'ex della fidanzata: condannato a dieci anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento