Lido Giancola, Clean Up Italia raccoglie tre tonnellate di rifiuti

Da Bari a Lecce, oltre cento i pugliesi che hanno risposto all'evento degli ambientalisti di Clean Coast South organizzato sullo storico litorale brindisino in difesa del mare

BRINDISI- PuliamoilmareBrindisi, Parley for the Oceans e Clean Coast South, i volontari del Decathlon Brindisi, i Leo e i Lion, la New Basket Brindisi, gli ‘Ncilonauti gruppo sub Brindisi , gli Ambientalisti Anonimi di Maglie, il gruppo Un sacco di gente con il Sacco di Mesagne, e perfino volontari arrivati da Taranto e Bari: tantissimi i pugliesi accorsi all’evento Clean Up Italia organizzato dal gruppo Clean Coast South al Lido Giancola. L’obiettivo? Difendere il mare ripulendo la spiaggia dalle tracce di plastica e rifiuti vari abbandonati dagli incivili, ma anche trasportati sulla costa dalle mareggiate.

«Amo troppo la mia terra e l’unico periodo per fare qualcosa di pratico è durante le ferie. Con il mio gruppo informale Clean Coast South, mia moglie, parenti e amici, puliamo indistintamente le spiagge dello Ionio e dell’Adriatico» ci dice Gianluca Parodi, maresciallo dell’Aeronautica Militare a Cameri, ma mesagnese d’origine, cofondatore con Gabriele Vetruccio del gruppo Clean Coast South.

«Grazie alla collaborazione con Alessandro Barba nel progetto di Clean Up Italia, rete informale che conta più di 50 gruppi, avevamo da tempo il desiderio di ripulire la spiaggia di Giancola, l’occasione si è verificata dopo i primi contatti con il Team di Parley Italy» prosegue il maresciallo  Parodi al quale in tantissimi hanno risposto al suo appello lanciato sui social network e attraverso vari passaparola.

«Dopo aver confermato la criticità della situazione di Lido Giancola, insieme a Rosanna (Parley) e Alessandro abbiamo attivato la fase di recruiting, dove in poco più di 20 giorni siamo riusciti ad ottenere ben 82 partecipanti!» annuncia soddisfatto il maresciallo che ha potuto assistere alla collaborazione di ben oltre 100 partecipanti che hanno raccolto circa tre tonnellate di materiale plastico, 40 metri cubi di detriti rimossi grazie al supporto di PuliamoilmareBrindisi, Parley for the Oceans e Clean Coast South, dei volontari della Decathlon Brindisi, i Leo e i Lion, la New Basket Brindisi, gli ‘Ncilonauti gruppo sub Brindisi , gli Ambientalisti Anonimi di Maglie, il gruppo Un sacco di gente con il Sacco di Mesagne, e tanti volontari che si sono aggregati al momento di sensibilità e rispetto per l’ambiente.

Per la realizzazione dell’evento Clean Up, il maresciallo Parodi ha potuto contare sul supporto costante di Ecotecnica, che con il suo staff durante tutto l’anno solare aiuta i volontari di PuliamoilmareBrindisi nello smaltimento finale dei rifiuti recuperati durante le loro azioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento