rotate-mobile
social Cellino San Marco

Al via l'inedito "firma vini" di Al Bano: le bottiglie diventano oggetti da collezione

L'iniziativa si terrà domani a Bitonto, nel Barese. L'intento del cantante è quello di far diventare i prodotti dei piccoli oggetti da conservare o esporre

BITONTO (Bari) - Domani mattina, giovedì 29 giugno, il celebre cantante cellinese per la prima volta sarà protagonsta di un'iniziativa simile

Albano Carrisi, detto anche Al Bano, si recherà presso il negozio Md di Bitonto per apporre la propria firma sulle bottoglie di vino acquistate, in quella medesima giornata, dai clienti dell'esercizio commerciale. Sarà, chiaramente, anche l'occasione giusta per proporre ai fan un incontro con il loro idolo. 

La bottiglia, così facendo, diventerà un vero e proprio oggetto da conservare e - magari - da esporre. 

“Ho deciso di firmare le bottiglie così da renderle un piccolo pezzo da collezione” ha affermato Al Bano. "E’ anche un modo per manifestare la mia stima per un uomo come il cavalier Podini (proprietario dell'attività), che ha fatto e sta facendo tanto per il Sud Italia".

Il punto vendita che ospita l'evento, chiaramente, proporrà anche i vini dell’azienda vinicola Al Bano: una Malvasia dai sentori floreali e fruttati, e un Cabernet dal colore rosso intenso. Entrambi, realizzati nella bella campagna di Cellino San Marco, raccontano l’amore che l’artista ha sempre dimostrato per la sua terra e per la famiglia: è al ricordo del padre, infatti, che Al Bano ha dedicato la sua produzione vinicola. 

Biografia

Al Bano, pseudonimo di Albano Antonio Carrisi, è nato a Cellino San Marco nel 1943. Nel corso della sua carriera ha venduto oltre 25 milioni di dischi nel mondo. Ha ottenuto, inoltre, 26 dischi d’oro e 8 dischi di platino. 

Figlio di Carmelo Carrisi (1914-2005) e Jolanda Ottino (1923-2019), una coppia di agricoltori, sin da piccolo si diletta a suonare la chitarra e a cantare stornelli della sua terra d'origine.

A diciassette anni si trasferisce a Milano, dove lavora nel ristorante Il dollaro. Nel capoluogo lombardo frequenta personaggi dello spettacolo, e così ha l'opportunità di farsi conoscere dal produttore maestro Pino Massara. Incide il suo primo disco, La strada/Devo dirti di no nel 1965. Dal '74 inizia il sodalizio con Romina Power che lo porterà sempre più in alto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via l'inedito "firma vini" di Al Bano: le bottiglie diventano oggetti da collezione

BrindisiReport è in caricamento