menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Appello per il restauro del G91 Pan dell'Aeroporto del Salento

Dodici anni di esposizione agli agenti atmosferici ne stanno provocando il degrado: bisognerebbe riformare un pool di aziende

BRINDISI – E’ lì dal giugno del 2008, a fare da gate guardian all’Aeroporto del Salento di Brindisi, il G91R Pan restaurato gratuitamente da due imprese aeronautiche locali 12 anni fa, la Processi Speciali e la Industrial&Aeronautical Painting, assieme all’altro cacciabombardiere G91Y, più “cattivo” rispetto a quello con la livrea delle Frecce Tricolori (Pan sta per Pattuglia acrobatica nazionale) che conosciamo tutti, che si trova invece appena all’interno del varco del settore militare, a ricordo del 32mo Stormo che ora è di base ad Amendola.

Dodici anni di esposizione al sole e alle intemperie, al centro della rotatoria antistante l’ingresso dell’aeroporto di Brindisi, si vedono tutti: il plexiglas del cockpit, il manichino con il casco da pilota dell’Aeronautica Militare, la vernice della fusoliera e delle ali sono in condizioni sempre più precarie. Era un bel biglietto da visita per chi partiva e arrivava, ora rischia di diventare un simbolo di incuria.

G.91R aeroporto Brindisi - dettaglio-2

È difficile di questi tempi trovare le risorse per un adeguato, nuovo restauro, ma il Distretto tecnologico aerospaziale, ad esempio, è già disponibile ad erogare un contributo. Potrebbe fare la stessa cosa Aeroporti di Puglia, e anche Confindustria Brindisi potrebbe interessarsi - come nel 2008 - per rimettere insieme un piccolo pool di imprese del settore. In fondo quell’aereo dice anche a chi arriva e chi parte che in questa città esiste ed opera un importante polo aerospaziale.

Ce la faremo a tirare di nuovo a lucido il Fiat G91R Pan dell’Aeroporto del Salento? BrindisiReport lancia l'appello: ormai è anche una questione di immagine. Il G91 è un progetto del grande ingegnere aeronautico italiano Giuseppe Gabrielli, e alla fine degli anni 50 vinse un concorso Nato per il miglior cacciabombardiere tattico a medio raggio.  Fu costruito in quattro versioni prima da Fiat Aviazione poi da Aeritalia: tre monomotore (G91R, quella di maggiore successo, per i reparti operativi, Pan per le Frecce Tricolori e T per l’addestramento), e una bimotore, il G91Y.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento