rotate-mobile
social

Il brindisino Paolo Fanciullo partecipa ai "Soliti ignoti - Il ritorno" su Rai 1

Appassionato di anni '80, con un locale che ospita la mitica DeLorean tratta da "Ritorno al futuro", Paolo ha partecipato alla puntata in onda ieri. Inoltre ha raccontato a BrindisiReport la sua esperienza presso gli studi della Rai

BRINDISI - Un giovane brindisino ha partecipato al programma "Soliti ignoti - Il ritorno" - condotto da Amadeus - in onda tutte le sere su Rai 1. 

La puntata che ha interessato il ventottenne Paolo Fanciullo è stata trasmessa proprio ieri, 20 aprile 2022. 

Nei termini del gioco, l'identità del titolare del bar Caffè 80 aveva un valore di 15.000 euro con il "tanto temuto" imprevisto: chi doveva indovinare la sua identità, sbagliando, avrebbe rischiato di perdere tutto. 

"Non mi aspettavo la scelta di assegnare a me l'imprevisto - racconta a BrindisiReport il partecipante - l'ho saputo solo nel corso dello svolgimento del programma". 

I protagonisti della puntata, con il compito di intuire quale fosse il lavoro di Paolo, erano due gemelli ventiquattrenni della provincia di Milano, Martina e Andrea. La coppia ha chiesto l'incontro ravvicinato, ovvero la possibilità di osservare da vicino il corpo e l'abbigliamento del partecipante. E' risultato evidente, soprattutto soffermandosi sulle mani di Paolo, come lui le usi quotidinamente. Queste, insieme ad altre caratteristiche, hanno portato alla risoluzione del mistero.

Tra gli indizi richiesti e poi forniti, il giovane brindisino afferma su di lui: "Il mio motto è: ci vuole coraggio ed eleganza in questa vita di arroganza"; poi "In tanti ci fanno colazione"; e, infine, "Dicono di me che sono un po' chiuso". 

Una volta svelata l'identità del barman brindisino, quest'ultimo ha tenuto a precisare la vocazione del proprio locale, "un bar incentrato sugli anni '80".

278099104_377831594226911_532479198560670462_n-2-3

La storia del Caffè 80

"Il locale nasce nel 2011 con l'idea di aprire un piccolo panificio gestito da me e mia madre - racconta Paolo - Dopo il primo anno, iniziavano ad arrivare numerose richieste riguardanti la possibilità di inserire un servizio di caffetteria. Nel frattempo, attendendo che mia sorella Federica terminasse gli studi - in modo da poter gestire il locale insieme - è stato ideato il piano di ristrutturazione del locale".

"Il Bar ad oggi prende il nome Caffè 80 perché nel 2013 è entrata a far parte della famiglia la DeLorean, la macchina del tempo conosciuta grazie alla trilogia di Ritorno al futuro".

"Attualmente il locale viene gestito da me e mia sorella. Il bar è situato su una stazione di servizio IP a Brindisi, dove si effettuano raduni di macchine d'epoca. Numerosi sono gli appassionati di tutta Italia che vengono a trovarci per poter scattare foto alla macchina esposta, oltre che per gustare le nostre pietanze".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il brindisino Paolo Fanciullo partecipa ai "Soliti ignoti - Il ritorno" su Rai 1

BrindisiReport è in caricamento