Coronavirus, Cavaliere della Repubblica: l’onorificenza a un infermiere di Mesagne

Antonio Capodieci lavora nell’ospedale Maggiore di Bologna e ha realizzato il video “Non sono un eroe, sono un infermiere”, la testimonianza del coronavirus divenuta virale anche all’estero

MESAGNE - “Posso dire che è la cosa più assurda che mi potesse accadere. Ma la metà di questa onorificenza è della mia fidanzata per la pazienza e i consigli giusti che mi ha dato nei tre mesi così assurdi per me, per noi”: commenta con queste parole l’infermiere Antonio Capodieci dell’ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna, la notizia del proprio decoro con l’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana ricevuta il 29 luglio. Un’onorificenza che col cuore divide con la compagna di vita e collega di lavoro che “ha filtrato il mio essere sempre tra le nuvole con la sua razionalità” prosegue l’infermiere originario di Mesagne.

capo10-2

Antonio Capodieci vive e lavora a Bologna da quattro anni e al tempo del coronavirus ha vissuto la realtà del pronto soccorso dell’ospedale Maggiore in cui “ogni giorno passavano un sacco di persone in codice rosso, anziani in condizioni critiche, soprattutto tra marzo e aprile”. Così, con la passione per il cinema e la fotografia che, gli ha anche permesso di partecipare al progetto “Viaggio in Italia” del regista Gabriele Salvatores, ha iniziato a portare durante gli interminabili turni di lavoro, cavalletto, macchina fotografica, stabilizzatore, luci e tutto ciò potesse servigli per documentare una realtà cui troppo velocemente ci si è dovuti abituare.

“Sono stati mesi surreali in cui si rientrava a casa con le piaghe sul viso, facevi la doccia per disinfettarti e tornavi più o meno alla normalità. Rientravamo a casa con la paura di infettarci l’uno con l’altra perché la mia ragazza ha lavorato nel reparto Covid dell’ospedale. Io ero in pronto soccorso. Poi ci siamo abituati”. Il racconto di Antonio è simile a quello che hanno vissuto i tanti infermieri e medici che hanno lottato in prima linea quando tutti gli altri restavano a casa in quarantena. “Ma noi non siamo eroi come ci hanno definito. È la nostra routine. Così ho voluto ricordare che siamo gli stessi che vengono beffeggiati, maltrattati, presi a botte e insultati”. E l’ha fatto attraverso il cortometraggio “Non sono un eroe, sono un infermiere”, della durata di circa quattro minuti, che ha fatto il giro delle reti televisive Rai, pubblicato sulle testate online nazionali e internazionali e arrivato perfino in Messico, perché un inviata del tg messicano da Roma ha voluto condividere la testimonianza italiana.

La notizia del lavoro svolto dall’infermiere di Mesagne, che a breve riceverà il diploma dell’Accademia del cinema di Bologna per aver terminato il proprio percorso, è arrivata all’ufficio di segreteria del Presidente della Repubblica che ha esaminato il cortometraggio, ma anche e soprattutto la dedizione riservata ai turni di lavoro svolti con professionalità e impegno da parte dell’infermiere Antonio Capodieci che ha documentato lo sforzo dei colleghi permettendo a tutti gli italiani di vedere come si è vissuto dall’altra parte del campo di battaglia.

“Quando staccavo dal mio turno chiedevo il permesso di andare a fotografare i miei colleghi, a fargli i video e “eroi un paio di scatole”, dice Antonio Capodieci mentre racconta la realtà dell’ospedale. “L’abbiamo sempre fatto, ma siamo invisibili: ecco perché la voglia di esprimere il concetto con il video. Poi gli scatti che realizzavo sono stati pubblicati dall’Asl Bologna, poi dal Comune e poi da reti televisive, giornali. E il video è arrivato anche in Messico”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Antonio Capodieci ha poi realizzato una mostra fotografica virtuale degli scatti al tempo del coronavirus, e ieri sera, al Salento Fun Park, ha portato personalmente la propria testimonianza, raccontando il proprio tempo del coronavirus e l’emozione per esser stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica Italian che, col cuore, condivide con la propria fidanzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento