menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Internet gratis a Palazzo Nervegna con l’hotspot wi-fi

Il Comune accetta l’offerta Telecom pensando a turisti e studenti: costo 18.499 euro

BRINDISI – Internet free, liberamente accessibile a Palazzo Granafei Nervegna di Brindisi. La rete sarà gratis per tutti a breve, ora che il Comune ha accettato l’offerta presentata dalla Telecom a fronte di un costo annuo pari a 18.499 euro e 22 centesimi.

L’hotspot

Il via libera alla “realizzazione di un hotspot gratuito” in grado di coprire l’immobile di proprietà dell’Amministrazione cittadina, già sede di alcuni uffici di rappresentanza, è stato dato nei giorni scorsi dal dirigente del settore informativo comunale, Mirella Destino (prima di andare in pensione). Nel palazzo di interesse storico, dove è ospitato il capitello della colonna romana, simbolo della città, sarà realizzato un sistema wi-fi per “veicolare informazioni di qualsiasi natura, allo scopo di fornire servizi alla cittadinanza”. Quali? Stando alla volontà dell’Ente che ha autorizzato di recente anche l'apertura di un caffé letterario, notizie sul meteo, news di cronaca locale e politica, sempre in chiave brindisina, e poi cenni storici su Brindisi.

Non solo. “Il servizio di hotspot wi-fi per come viene proposto, permetterebbe di leggere la propria mail, accedere ai social network, effettuare ricerche e soprattutto valorizzare il territorio e i servizi comunali”, si legge nella relazione firmata dall’ormai ex dirigente, sulla base delle indicazioni del responsabile del procedimento, Maurizio De Virgiliis. Il pensiero è stato rivolto in modo particolare a “studenti e turisti”, tenuto conto del numero di visite delle scolaresche nonché degli itinerari di promozione del territorio, anche in occasione degli approdi delle navi da crociera.

Il costo

A Palazzo di città l’offerta considerata in linea con tali esigenze, è risultata quella presentata dalla Telecom che si è aggiudicata la convenzione Consip Tere Lan 4, in corso di perfezionamento. Costo pari a 15.122,31 euro più iva al 22 per cento, per un totale di 18.449,22.

Tecnicamente, per gli esperti di internet, si tratta di una “soluzione basata sul concetto di una infrastruttura orientata verso il cloud”. “Le aree wi-fi e gli apparati installati – si legge nella relazione squisitamente tecnica – diventano aree di solo accesso per gli utenti della rete e l’intera piattaforma di controllo e autenticazione così come le pagine di login delle varie aree, risiedono in maniera centralizzata nel Noc  (Network operation center, ndr) del gestore”.

Dagli uffici del Comune, precisano inoltre che il sistema è “aderente alle norme vigenti sul territorio ed è in grado di tenere sia i log del radius quali nomi utente, con il codice identificativo, postazione di provenienza, data e ora del login, traffico inbound e outboud (Bytes), ip di destinazione richiesto e servizio”. A voler essere precisi, si tratta di dati attivabili, ma non più obbligatori.

Il pagamento della somma in favore del fornitore, sarà autorizzato solo a completamento delle opere, “previo collaudo di funzionalità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento