menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La danza e il sociale: gli ospiti del Cara si esibiranno per i detenuti

Sei danzatori africani richiedenti asilo danzeranno venerdì prossimo (8 giugno) presso la casa circondariale di Brindisi

BRINDISI - La danza e il sociale. Gli immigrati del centro di accoglienza Cara di Restinco Brindisi danzeranno per i detenuti il giorno 8 giugno nella Casa Circondariale di Brindisi.

In seguito al laboratorio di danza Oltre i confini finanziato dalla Cooperativa Auxilium all’associazione AlphaZtl Compagnia d’Arte Dinamica, sotto la direzione artistica del danzatore e coreografo brindisino Vito Alfarano, è stato creato con sei danzatori africani richiedenti asilo, uno spettacolo dal titolo “I have a dream”, dal quale sarà realizzato anche un video danza dallo stesso titolo che verrà presentato in vari Festival Internazionali di video arte.

La performance si ispira ai principi di Martin Luther King che aveva un sogno: che i bianchi e i neri avessero gli stessi diritti. Il sogno non si è ancora compiuto e tanto ancora bisogna fare per accettare l'altro, il diverso, il profugo, colui che fugge dalla miseria, dalla guerra civile per approdare dopo tanti sacrifici e tanto dolore sulle nostre terre considerate come una nuova occasione per vivere. Il sogno di questi uomini e di queste donne con i loro figli è di una nuova vita in un mondo in cui non sono ancora completamente accettati.

La magia dell’arte darà la possibilità ai protagonisti di queste due realtà di interagire tra loro in un luogo di privazione in cui si pensa che ciò non possa accadere. L’obiettivo della AlphaZtl è proprio questo e lo dice il nome stesso: Alpha,  prefisso di origine greca che indica rispetto al termine cui viene apposto valore di negazione, mancanza e privazione (alfa privativo). Ztl zona a traffico limitata.

AlphaZTL vuole entrare attraverso l'arte in quelle realtà poco calpestabili esistenti in società abbattendo quelle barriere che non permettono l'integrità sociale. Lo scopo è quello di dare voce a quelle realtà relegate da pregiudizi facendo arrivare l'eco quanto più lontano possibile attraverso le attività che la compagnia svolge.
La compagnia sviluppa i propri progetti nel sociale facendo danza con i detenuti della Casa Circondariale di Brindisi e Rovigo, della REMS di Carovigno (BR), e con gli immigrati del centro di accoglienza Cara di Restinco  e i ragazzi della Aipd Brindisi (Ass. Italiana Persone Down).

L’evento è organizzato grazie alla collaborazione artistica nata dal 2015 tra la AlphaZtl Compagnia d’Arte Dinamica e la volontà e disponibilità del Direttore della Casa Circondariale di Brindisi Anna Maria Dello Preite sempre attenta all’arte. E' un dato di fatto che la “recidiva” tra chi fa arte in carcere nel 2017 è scesa dal 70 al 6%.

I HAVE A DREAM
Regia e Coreografia di Vito Alfarano
Danzano Tourè Lanfia, Alpha Bah, Samuel Adel, Diedhiou Ousseynou, Emmanuel David, Lamine Soure Mohammed
Produzione AlphaZTL Compagnia d'Arte Dinamica
Con il sostegno economico di Auxilium So. Coop. Soc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento