menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il quadro di Luigi mayer. Sotto, Santi Giuffrè e Giuseppe Vescina

Il quadro di Luigi mayer. Sotto, Santi Giuffrè e Giuseppe Vescina

La "Veduta del porto di Brindisi" di Mayer nella Sala della Colonna

Il quadro dipinto nel 1776 dal famoso pittore pittore paesaggista italo-tedesco è stata concessa in comodato al Comune

BRINDISI - Il dipinto “Veduta del porto di Brindisi”, un olio su tela di 45,72 per 66,04 centimetri, entra a far parte delle collezioni d’arte della comunità brindisina. A dipingerla fu Luigi Mayer (Roma 1750-55- Londra 1803), artista italo-tedesco, uno dei primi e più importanti pittori europei, della fine del XVIII secolo, dell'Impero Ottomano. Il dipinto, concesso in comodato al Comune dai coniugi Giuseppe e Maria Pia Vescina, ed accettato dal commissario straordinario Santi Giuffrè,  è datato 1776, ed è, come scrive la studiosa Clara Gelao, “comparso per la prima volta ad un’asta Christie’s a New York”, nel 1993.

Foto Mayer-2Proprio per aver ravvisato il notevole prestigio storico-artistico dell’opera, la Soprintendenza Archeologica, Belle arti e Paesaggio per le province di Brindisi, Lecce e Taranto, ha indicato di collocarla degnamente nella ex Corte d’Assise, presso Palazzo Granafei-Nervegna, nella sala del Capitello della Colonna per la stretta relazione storica e iconografica. Il quadro rappresenta il luogo-simbolo dell’antica Brindisi, dove sorgevano le colonne romane, dominando dall’alto e descrivendo dal vero l’imbocco del porto e le costruzioni intorno, compresa la casa che si dice accolse gli ultimi momenti di Virgilio.

Trasferitosi da Roma a Londra, Luigi Mayer divenne amico intimo del primo baronetto sir Robert Ainslie, ambasciatore britannico in Turchia tra il 1776 e il 1792, che seguì a Istanbul, al servizio come pittore vedutista e documentalista, fornendo una preziosa visione del Medio Oriente di quel periodo. Nei suoi viaggi nell'Impero Ottomano, tra il 1776 e il 1794, Mayer è divenuto famoso per i suoi schizzi e dipinti di paesaggi panoramici di siti antichi e rovine monumentali, dei Balcani, delle isole greche, di Turchia ed Egitto. Molte sue opere, già nella collezione di Ainslie, sono passate al British Museum di Londra.

Il dipinto di Mayer “apporta un notevole contributo all’iconografia della città e delle colonne romane”, osserva Clara Gelao, direttrice della pinacoteca della città metropolitana di Bari, “sia per il prestigio della firma che, pur molto nota all'estero, è pressoché sconosciuta in Italia, sia per l’alta epoca della rappresentazione, da considerarsi una vera e propria rarità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento