Don Luigi Ciotti a Ostuni: corteo di studenti apre la giornata per la legalità

Una serie di iniziative sul tema delle mafie e la necessità di giustizia organizzate dal presidio di Libera della Città Bianca

OSTUNI- Sono partiti in centinaia animando il corteo, questa mattina, a ritmo di tamburo e urlando "Senza memoria non c'è futuro" : è iniziata alle 9 la manifestazione “Il bisogno e la giustizia- Sventurata la terra che ha bisogno di eroi”, la giornata che il presidio di Libera Ostuni ha organizzato nella Città bianca con il patrocinio del Comune. 

Corteo Libera a Ostuni 3-2

I cittadini della Città bianca, e tutti gli interessati, sono invitati a partecipare all’incontro aperto al pubblico per manifestare e sensibilizzare il territorio pugliese sul tema delle mafie e la necessità di giustizia.

La giornata, dunque, è partita alle 9 dall’area Mercatale di Ostuni con un corteo che terminerà alle 11 nella villa comunale “Sandro Pertini”.

Don Luigi Ciotti al liceo Palumbo (2)-2

Nel pomeriggio la manifestazione proseguirà dalle 17 nel Palangentile di viale dello Sport con un significativo momento di riflessione in cui interverrà don Luigi Ciotti, presidente di Libera e Gruppo Abele, il sindaco Guglielmo Cavallo, la referente del presidio di Libera Ostuni, Isa Zizza, e Valerio D’Amici, del coordinamento provinciale Libera Brindisi, don Giovanni Apollinare, vicario foraneo di Ostuni, e Mario Dabbicco, referente di Libera Puglia.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento