Piiil Cultura 2017-2026: "San Vito dei Normanni sarà Città della musica"

In attesa della ratifica formale della Regione Puglia, il sindaco Domenico Conte illustra alcuni ambiziosi punti del programma che amplieranno il Barocco Festival e porterà il genius loci, Leonardo Leo, a Potenza e a Matera

SAN VITO DEI NORMANNI- «San Vito diventerà Città della musica perché nel nostro dna c’è una propensione innata per l’arte antica quanto l’uomo»: lo ha annunciato alla redazione di BrindisiReport un entusiasta sindaco Domenico Conte che si prepara, oggi 22 agosto, a sedere in prima fila nel Chiostro dei Domenicani a San Vito dei Normanni, per la prima assoluta del dramma sacro settecentesco «Dalla Morte alla Vita di Santa Maria Maddalena», che apre il sipario sulla XXII edizione del «Barocco Festival Leonardo Leo».

“Barocco festival”: Santa Maria Maddalena la protagonista della prima serata

Rientra anche questo ambizioso programma nel progetto Piiil Cultura in Puglia 2017-2026 che il sindaco Domenico Conte, con la collaborazione della sua Amministrazione, ha presentato alla Regione: inoltre, approfondisce il Primo cittadino, «il progetto prevede una mostra itinerante dedicata a Leonardo Leo e al suo manoscritto, unica copia al mondo, che era andato perso per tre secoli, “Dalla Morte alla Vita di Santa Maria Maddalena”. La mostra inaugurerà a San Vito per proseguire il tour nella città di Bari e nell’attigua regione della Basilicata» prosegue il sindaco Conte.

Domenico Conte durante la conferenza stampa-2

Infatti, saranno le Università e i Conservatori delle città di Potenza e Matera a ospitare il genius loci, Leonardo Leo, che grazie alla pluriennale attività di ricerca del maestro Cosimo Prontera, direttore del Centro Studi e Documentazione Leonardo Leo e direttore artistico del festival, aggiunge ancora oggi un tassello qualificante alla storia della musica e a quel cammino che corrisponde alla ricostruzione della civiltà culturale del territorio Brindisino.

Il progetto Piiil Cultura che, tuttavia, non è stato ancora ratificato formalmente dalla Regione Puglia, oltre alla proclamazione di San Vito Città della musica, intende portare sul territorio, in occasione della Settimana Santa, un concerto di musica sacra antica, la raccolta dei “Responsorj”, come già viene eseguito a Napoli dal centro “Fondazione Pietà de Turchini”.

L’auspicio augurato lo scorso anno dal maestro Cosimo Prontera di eseguire il dramma «Dalla Morte alla Vita di Santa Maria Maddalena» a San Vito, un Maestro certamente emozionato come musicista per avere sotto le dita un manoscritto autografo, si è concretamente realizzato, dopo aver avviato contatti con la comunità di Atrani, e con una novità: il 18 dicembre, data comunque da confermare, vi sarà la messa in scena dello spettacolo nel teatro Verdi di Brindisi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, un piano strategico quello presentato dal sindaco Conte  che intende tutelare, valorizzare e promuovere l’identità di un territorio e quindi la sua cultura musicale, storica e creativa in modo sempre più innovativo che stimola la crescita e la coesione sociale, portando sicuramente sviluppo economico e turistico nella città di San Vito dei Normanni e non solo.

Torna l'appuntamento con il Barocco Festival: il programma completo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

  • Brindisi: i carabinieri scoprono undici furbetti del reddito di cittadinanza

Torna su
BrindisiReport è in caricamento