rotate-mobile
social

Settimana nazionale della Protezione Civile: un gazebo per informare sui rischi naturali

L'evento si è svolto a Cisternino, presenti i volontari dell'associazione “Meteo Valle D’Itria - Odv” ed i soccorritori de “Le orme di Askan – Odv”

CISTERNINO - Volontari, amministratori comunali e semplici cittadini si sono ritrovati domenica mattina (15 ottobre) sotto il colorato e variegato gazebo giallo dell'iniziativa Io non rischio, allestito dai volontari della Protezione Civile “Meteo Valle D’Itria - Odv” in Piazza Garibaldi.

Insieme a loro erano presenti anche i soccorritori dell’associazione “Le orme di Askan – Odv” sezione Puglia – Gruppo cinofilo da soccorso di Fasano.

Entrambe le organizzazioni erano state impegnate, fino al tardo pomeriggio di sabato 14 ottobre, nella ricerca del 47enne scomparso alcuni giorni prima in località Casalini di Cisternino, e che fortunatamente ha poi fatto rientro nell’abitazione dei suoi genitori a Montalbano di Fasano.

Macellaio scomparso, fine delle ricerche: è tornato a casa dalla madre

Nonostante la stanchezza e la fatica degli ultimi giorni, gli operatori delle due organizzazioni hanno assicurato la loro presenza all’evento predisposto dal Dipartimento della protezione civile nella settimana delle iniziative legate alla campagna di sensibilizzazione “Io non rischio”, che ogni anno si celebra nel mese di ottobre. 

Nel corso della giornata, i volontari, dopo aver ripercorso la memoria storica delle passate emergenze del territorio di riferimento, hanno dispensato consigli e informazioni sulle buone pratiche di protezione civile, anche grazie ai materiali divulgativi distribuiti.

Obiettivo della giornata era la sensibilizzazione dei cittadini sui temi di protezione civile, sui rischi naturali (in particolare sulle alluvioni) e sulle buone pratiche in caso di eventi calamitosi.

Quest’anno il gazebo giallo Io non rischio ha avuto il piacere di ospitare un appartenente alla polizia penitenziaria di Bari, che ha spiegato le funzioni del rappresentante dello stesso Corpo di polizia in seno al Comitato operativo nazionale di protezione civile. Oltre questo, ha esplicato i compiti degli operatori di collegamento nelle articolazioni periferiche del Ministero della Giustizia.

Le associazioni di volontariato Meteo Valle d’Itria e Le orme di Askan non hanno mancato di ringraziare la polizia penitenziaria, le autorità (sindaco, consigliere comunale, presidente coordinamento provinciale di protezione civile, esperto tecnico di protezione civile di Fasano) ed i formatori della Protezione Civile pugliese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Settimana nazionale della Protezione Civile: un gazebo per informare sui rischi naturali

BrindisiReport è in caricamento