A rischio l'appalto sulla raccolta dei rifiuti in città

BRINDISI – Il ricorso al Tar presentato da Ecotecnica, società che in subappalto da Innovambiente ha gestito la raccolta differenziata negli ultimi tre anni a Brindisi, rischia di bloccare l’affidamento a Monteco dell’appalto per l’intera raccolta dei rifiuti del capoluogo. Ieri, in attesa della decisione del tribunale amministrativo che arriverà solo giovedì, l’amministrazione comunale ha incontrato una rappresentanza dei 271 lavoratori coinvolti: le preoccupazioni riguardano il passaggio del servizio tra le due società coinvolte, ma anche le condizioni in cui i dipendenti si ritroveranno a lavorare.

L'incontro tra i lavoratori e l'amministrazione comunale

BRINDISI - Il ricorso al Tar presentato da Ecotecnica, società che in subappalto da Innovambiente ha gestito la raccolta differenziata negli ultimi tre anni a Brindisi, rischia di bloccare l'affidamento a Monteco dell'appalto per l'intera raccolta dei rifiuti del capoluogo. Ieri, in attesa della decisione del tribunale amministrativo che arriverà solo giovedì, l'amministrazione comunale ha incontrato una rappresentanza dei 271 lavoratori coinvolti: le preoccupazioni riguardano il passaggio del servizio tra le due società coinvolte, ma anche le condizioni in cui i dipendenti si ritroveranno a lavorare.

Alle incertezze su mezzi, logistica e sicurezza - i lavoratori hanno anche ricordato al sindaco e all'assessore all'ecologia che sono costretti ad indossare gli abiti da lavoro in strada - si sommano anche quelle relative all'occupazione. Sono 196 quelli di Innovambiente (la società che lascia il servizio) e 81 quelli di Ecotecnica(in sub appalto) che saranno tutti, ha assicurato il sindaco Domenico Mennitti, impiegati nella nuova gestione affidata a Monteco che dovrebbe subentrare dal 1 marzo.

L'affidamento del capitolato, che per due anni ammonta a poco meno di 30 milioni di euro, alla nuova ditta è stato messo in discussione con il ricorso di Ecotecnica che non ha potuto partecipare alla gara d'appalto perché ritenuta inadempiente. La società però ritiene che le responsabilità siano da imputare ad Innovambiente.

"Il fatto che il Tar non abbia emesso una sospensiva - ha assicurato il sindaco ai lavoratori - ci lascia ben sperare sul fatto che il passaggio tra le due ditte possa avvenire regolarmente". Qualora però il Tar si pronunciasse in favore di Econtecnica e bloccasse l'affidamento a Monteco, il comune dovrà ripetere la gara d'appalto e, nel frattempo, con un'ordinanza obbligare Innovambiente a mantenere il servizio.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento