rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Ambiente

Bonifica di alcune discariche abusive

SAN PIETRO VERNOTICO – Guerra alle discariche abusive da parte del nuovo assessore all'Ambiente del Comune di San Pietro Vernotico

SAN PIETRO VERNOTICO - Guerra alle discariche abusive da parte del nuovo assessore all'Ambiente del Comune di San Pietro Vernotico, la 27enne Alessandra Stefano, insediatasi a luglio scorso: questa mattina è stato ripulito un terreno di contrada Artisti ricoperto da pezzi di lastre di amianto e scarti edili che ostruiva il passaggio di auto e mezzi agricoli, dirottandoli, di conseguenza, in uliveti di proprietà di privati cittadini. Con non pochi danni per le colture.

Sono stati proprio i contadini del posto a segnalare, al neo assessore, la presenza di quella estesa discarica dannosa per l'ambiente. L'ennesima del circondario. Si trattava di resti di materiale edile ed eternit ma anche di rifiuti ingombranti, depositati con tutta probabilità da qualche impresa di costruzioni. Sono comparsi improvvisamente circa due mesi fa, non erano il frutto di continui e ripetuti depositi compiuti nel corso dei mesi. Qualcuno un bel giorno ha deciso di riempire le campagne di via Raffaello Sanzio di rifiuti e scarti edili.

Questa mattina la ditta Ecom Servizi Ambientali, su disposizione del Comune ha bonificato tutta l'area interessata dalla discarica rendendo nuovamente accessibile il sentiero. Un intervento d'emergenza che è costato alle casse comunali oltre cinquemila euro, soldi non previsti che sarebbero potuti essere utilizzati in altro modo se le campagne sanpietrane non fossero state trasformate in discariche. L'amianto, come è noto, è altamente inquinante. In quel caso quei rifiuti stava arrecando disagi e danni anche agli agricoltori del posto.

L'assessore all'Ambiente annuncia nuovi interventi: saranno ripulite alcune aree di contrada Giardino Grande e della zona "Pucciarruto-Betta". Con nuove risorse, poi, si passerà alla bonifica di tutti gli altri siti inquinati del paese. Compresa l'area che circonda l'ex discarica Pallitica, dove i rifiuti sono anche stati dati alle fiamme. "Mi sono recata personalmente nelle campagne sanpietrane note per essere diventate depositi di rifiuti, al momento possiamo bonificare solo tre aree ma abbiamo già in mente progetti per tutte le altre zone. C'è da dire, però, che molte discariche si trovano in terreni di proprietà di privati dove il Comune non può intervenire direttamente".

Ma l'interessamento da parte di assessori e amministrazioni non basta per eliminare le discariche abusive del paese. Occorre senso civico nei cittadini. Che al momento manca. "Ci vuole collaborazione da parte di tutti, se qualcuno ha difficoltà a smaltire materiali di genere diverso da quallo previsto dal programma della differenziata può rivolgersi al nostro ufficio e insieme troveremo la soluzione più economica. I rifiuti ingombranti vengono ritirati attraverso la segnalazione al numero verde, non ha senso abbandonarli nelle campagne. Con più attenzione e impegno si possono ottenere grandi risultati, anche quello di raggiungere la percentuale minima di differenziata (il 65%) che permette di ottenere sgravi fiscali sulle prossime bollette".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonifica di alcune discariche abusive

BrindisiReport è in caricamento