Cillarese: mellonata, ma sotto le stalle

BRINDISI – Il parco Cillarese accusa ancora i “postumi” della “Mellonata sotto le stelle”. La musica e le libagioni che dal 9 al 12 agosto hanno animato le serate all’interno del polmone verde hanno avuto un inevitabile strascico di incuria e degrado.

Alcuni visitatori del parco

BRINDISI – Il parco Cillarese accusa ancora i “postumi” della “Mellonata sotto le stelle”. La musica e le libagioni che dal 9 al 12 agosto hanno animato le serate all’interno del polmone verde hanno avuto un inevitabile strascico di incuria e degrado. Decine di brindisini, stamane, viste anche le avverse condizioni atmosferiche, hanno trascorso la mattinata di Ferragosto nel parco, disertando le spiagge.

E non hanno potuto fare a meno di notare i teloni delle bancarelle abbandonati sul ciglio dei vialetti, oltre a bottigliette di plastica, tappi di bottiglie, fazzoletti di carta, confezioni di cartone, rifiuti gettati negli specchi d’acqua, lattine e persino un contenitore di olio di semi gettati in mezzo alle aiuole e ai margini del laghetto. Non è sfuggito neanche lo sportello di un quadro elettrico divelto dalla sua sede originaria e lasciato per terra, a pochi passi da una bottiglia di birra.

Numerose persone hanno segnalato questa situazione alla centrale operativa della Polizia municipale. Nelle prossime ore, di certo, l’amministrazione comunale interverrà per ripulire la zona dagli scarti della mellonata. Un po’ di collaborazione e di senso civico in più da parte della gente, ad ogni modo, e tutto ciò non sarebbe accaduto. Non sarebbe costato nulla, del resto, depositare i rifiuti negli appositi cassonetti, piuttosto che utilizzare il parco a mo’ di pattumiera.

 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento