rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Ambiente

Edipower prima parla di sviluppo poi ferma la centrale. Ordinate le ferie forzate

BRINDISI – Pasqua con gli impianti fermi e le lettere che annunciano i periodi entro cui i lavoratori devono scegliere quando utilizzare quattro giorni di ferie forzate. Firmato Edipower. L’azienda, dopo il rifiuto non solo del Cobas, ma anche dei sindacati di categoria Cgil, Cisl e Uil ad accettare senza mediazioni il piano di fermata che interesserà la centrale termoelettrica di Brindisi Nord sino a giugno, va avanti a carro armato. Nei prossimi giorni si vedrà come e quando i sindacati risponderanno. Le decisioni saranno prese subito dopo la pausa pasquale, martedì, nell’assemblea convocata dalle 8 alle 10 in centrale, fa sapere Roberto Aprile del Cobas. E non sarà un dibattito facile, né sereno data la preoccupazione mista a rabbia che cresce tra i dipendenti di Edipower Brindisi.

BRINDISI - Pasqua con gli impianti fermi e le lettere che annunciano i periodi entro cui i lavoratori devono scegliere quando utilizzare quattro giorni di ferie forzate. Firmato Edipower. L'azienda, dopo il rifiuto non solo del Cobas, ma anche dei sindacati di categoria Cgil, Cisl e Uil ad accettare senza mediazioni il piano di fermata che interesserà la centrale termoelettrica di Brindisi Nord sino a giugno, va avanti a carro armato. Nei prossimi giorni si vedrà come e quando i sindacati risponderanno. Le decisioni saranno prese subito dopo la pausa pasquale, martedì, nell'assemblea convocata dalle 8 alle 10 in centrale, fa sapere Roberto Aprile del Cobas. E non sarà un dibattito facile, né sereno data la preoccupazione mista a rabbia che cresce tra i dipendenti di Edipower Brindisi.

Il 15 marzo, nell'ultima assemblea tenuta a Brindisi Nord-Costa Morena è stato ribadita dalla maggioranza dei lavoratori la richiesta di chiusura della centrale Edipower, e il passaggio di tutti e 120 gli addetti ad Enel e quindi alla centrale di Cerano, considerata sotto organico, riprendendo così il progetto della vecchia convenzione del 1996 tra Comune, Provincia di Brindisi e la stessa società elettrica, disinnescata poi dalle convenzioni successive del 2002 e del 2003, viziate dalle scelte di un'amministrazione comunale finita sotto inchiesta nella Tangentopoli brindisina.

Edipower a marzo aveva ripresentato il proprio piano industriale agli enti locali, confortato da una Valutazione di impatto ambientale favorevole, e comprendente oltre ad interventi di ambientalizzazione (desolforatori, carbonile coperto) anche la trasformazione di due dei quattro gruppo a carbone in un unico gruppo a ciclo combinato a gas da 420 megawatt. Ma l'azienda del gruppo Edison preferisce accantonare l'investimento sul gas e passare invece all'utilizzo di carbone ad alto contenuto di zolfo (più inquinante ma meno costoso), sostenendo che comunque saranno gli interventi sui filtri a rendere sopportabile l'impatto ambientale di questa scelta.

Per la chiusura di Brindisi Nord, oltre alla maggioranza dei lavoratori, si è schierato anche il Partito Democratico, che considera la centrale termoelettrica di Brindisi Nord un rischio per la città e solo una fonte di speculazione sul mercato elettrico per Edipower. Uguali posizioni quelle di Sinistra, Ecologia e Libertà e del fronte ambientalista brindisino. Meglio chiudere la centrale, bonificare quel sito (anni di lavoro per le imprese locali) e restituire al porto spazi importanti.

Allo stato attuale, per addotti motivi di non competitività dei costi della produzione elettrica, a causa del sistema di approvvigionamento del carbone che utilizza come carbonili galleggianti le stesse navi che trasportano il minerale, e quindi con un aggravio dei noli, Edipower ha nuovamente fermato gli impianti dal 17 marzo, e ha fissato da quella data al 10 aprile, e dal 14 maggio al 17 giugno i due periodi in cui fare ricorso alle ferie forzate.

Come detto in principio, le comunicazioni stanno giungendo in queste ore agli addetti alle manutenzioni e all'esercizio. Martedì i lavoratori decideranno quale risposta dare alla società milanese. E questa volta dovrebbero scendere in campo anche i sindacati confederali, stando alle dichiarazioni dei giorni scorsi dopo la rottura del confronto con Edipower.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edipower prima parla di sviluppo poi ferma la centrale. Ordinate le ferie forzate

BrindisiReport è in caricamento