Enel a Greenpeace: "Accuse assurde"

ROMA - "Enel riconosce il diritto di critica e anche di satira, ma si vede costretta a tutelare la propria reputazione di fronte a un’assurda accusa di strage premeditata e continuata per il rispetto dovuto alle oltre 75 mila persone che lavorano in Enel"

La centrale di Cerano vista Brindisi

ROMA - "Enel riconosce il diritto di critica e anche di satira, ma si vede costretta a tutelare la propria reputazione di fronte a un’assurda accusa di strage premeditata e continuata per il rispetto dovuto alle oltre 75 mila persone che lavorano in Enel e alle decine di milioni di stakeholder del Gruppo". Lo si afferma in una nota della società elettrica diffusa oggi pomeriggio, in risposta alle accuse sostenute da Greenpeace (ieri a Brindisi si è aperto un processo per il raid dell'associazione ambientalista del 2009 nella centrale di Cerano).

"Come è noto, le attività dell'azienda sono sottoposte alle norme e ai controlli delle istituzioni locali, nazionali e internazionali e si svolgono nel pieno rispetto delle leggi che tutelano l'ambiente e la salute.  I dati che diffonde Greenpeace - si dice nell comunicato dell'Enel - non sono basati su una effettiva analisi delle emissioni delle centrali termoelettriche italiane che sono costantemente monitorate dalle autorità e dagli enti allo scopo preposti. Sono estrapolazioni del tutto arbitrarie, non basate su una relazione scientifica di causa-effetto".

Tali statistiche, prosegue Enel nella sua risposta, "oltre a non tenere in alcun conto le specifiche realtà territoriali degli impianti (controllo delle emissioni, altezza delle ciminiere, vicinanza al mare, andamento dei venti, densità territoriale della popolazione), sono basate su un astratto fattore di rischio che non considera il reale contributo delle centrali rispetto a tutte le fonti di inquinamento che incidono sulla qualità dell’aria. Secondo i dati Ispra, alle centrali termoelettriche italiana è attribuibile meno dell’1% delle polveri sottili, che derivano principalmente dagli impianti di riscaldamento e dai trasporti".

Enel inoltre ricorda "che circa metà della energia elettrica che il Gruppo produce è priva di qualunque tipo di emissione, compresa l'anidride carbonica: una percentuale tra le più alte rispetto a tutte le altre grandi utilities del mondo. Enel è ai primi posti nella produzione di energia da fonti rinnovabili, un settore nel quale continua a crescere. Attraverso la controllata Enel Green Power, il Gruppo ha in programma investimenti nei prossimi 5 anni per oltre 6 miliardi di euro, una cifra che ha ben pochi paragoni al mondo".

La conclusione della nota evidenzia che "infine va ricordato che solo il 12% dell'energia elettrica italiana è prodotta con il carbone contro una media europea di circa il doppio con punte dei oltre il 40% nella 'verde' Germania".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento