"Gasdotto Tap, Brindisi esclusa"

Si è conclusa nella mattinata di ieri l'audizione del Consorzio Tap presso la Commissione Industria del Senato, che il parlam entare Salvatore Tomaselli del Pd brindisino aveva chiesto nei giorni scorsi alla luce delle possibili opzioni di approdo della condotta subacquea del gasdotto.

Rotte gasdotto TAP, la prescelta è la numero 4

Si è conclusa nella mattinata di ieri l'audizione del Consorzio Tap presso la Commissione Industria del Senato, che il parlam entare Salvatore Tomaselli del Pd brindisino aveva chiesto nei giorni scorsi alla luce delle possibili opzioni di approdo della condotta subacquea del gasdotto che porterà in Italia il metano dei giacimenti del Caspio. "Occasione utile per conoscere da vicino l'articolazione di un progetto che assume un rilievo strategico ai fini della diversificazione delle forniture di gas e nella prospettiva di contribuire, da un lato, a mettere in sicurezza il nostro paese e, dall'altro, a ridurre la bolletta energetica nazionale", ha dichiarato lo stesso Tomaselli.

L'audizione, come già detto, si è incentrata in particolare sull'impatto ambientale dell'infrastruttura nel suo "arrivo" sulla costa pugliese. "Pur nel rispetto delle legittime opposizioni che emergono dal territorio salentino interessato (San Foca, ndr), non si può non prendere atto con onestà che siamo oggettivamente di fronte ad una infrastruttura dall'impatto ambientale del tutto sostenibile, in alcun modo assimilabile agli impianti di produzione energetica e/o industriale", afferma il senatore Tomaselli.

"Si tratta, ovviamente, di rendere tale sostenibilità verificabile e di costruire un sistema di garanzie che non solo possa rassicurare le popolazioni locali ma, nel contempo - aggiunge Tomaselli - fornire una costante e continua informazione su tutte le attività propedeutiche alla realizzazione dell'opera e, poi, durante la fase esecutiva e di gestione. Nel corso dell'audizione, nel rispondere alla domande dei commissari, i rappresentanti del Consorzio Tap hanno ricostruito la lunga attività di indagine tecnica e di confronto con le comunità locali che hanno preceduto la scelta di localizzare lungo la costa salentina di San Foca l'approdo della condotta sottomarina", conferma il senatore del Pd.

"A tal fine, ricordato che tale attività di ricerca si é concentrata per circa tre anni su ben quattro tracciati che terminavano sulla costa della città di Brindisi e che tali opzioni sono state scartate definitivamente, sia per ragioni antropiche (per la forte concentrazione di aree abitate o di aree industriali) che per ragioni legate alla salvaguardia della posidonia (si tratta di una vasta area al largo della costa sud brindisina qualificata come Sic, ndr), è stato ribadito che tale localizzazione è, pertanto, del tutto non riproponibile", conferma Tomaselli.

"Continueremo a monitorare il seguito delle procedure e delle attività promosse dal Consorzio Tap, per l'importanza decisiva che tale opera assume per il Paese e, nello stesso tempo - assicura il senatore democratico - affinché il più ampio confronto con le comunità locali sia concentrato sul merito del progetto, nel rispetto di tutte le opinioni, ma scevro da ogni condizionamento di natura ideologica o pregiudiziale".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento