Il governo autorizza altre trivellazioni in mare. Accuse da Losappio al Pdl pugliese

BARI - “Il Comitato Nazionale Via ha espresso parere favorevole alle perforazioni esplorative nel mare antistante le Isole Tremiti e si accinge a fare altrettanto per quelle davanti alla Foce del Fortore. In attesa del sì del ministero (scontato dopo l’analogo consenso per Monopoli) non si può ignorare che anche in questo caso il governo nazionale intende esprimersi esattamente in direzione opposta rispetto alla giunta regionale ed al suo organo tecnico (Via Puglia)". Lo ha detto oggi l'assessore regionale Michele Losappio, evidenziando come ormai sia conflitto aperto tra le scelte ambientali della Regione Puglia e quelle del governo Berlusconi.

Michele Losappio

BARI - "Il Comitato Nazionale Via ha espresso parere favorevole alle perforazioni esplorative nel mare antistante le Isole Tremiti e si accinge a fare altrettanto per quelle davanti alla Foce del Fortore. In attesa del sì del ministero (scontato dopo l'analogo consenso per Monopoli) non si può ignorare che anche in questo caso il governo nazionale intende esprimersi esattamente in direzione opposta rispetto alla giunta regionale ed al suo organo tecnico (Via Puglia)". Lo ha detto oggi l'assessore regionale Michele Losappio, evidenziando come ormai sia conflitto aperto tra le scelte ambientali della Regione Puglia e quelle del governo Berlusconi.

"Non è del resto una novità. Anche per la nuova centrale Agip di Taranto, per quella di Edipower a Brindisi, per le normative sulle energie rinnovabili, sulle aree protette e sulle industrie a rischio di incidenti rilevanti, sul rigassificatore di Brindisi -attacca Lospappio- il governo con i suoi vari esponenti capeggiati dal ministro pugliese ha avviato in questi due anni un sistematico pressing contro le scelte della Puglia in varie materie e settori nel tentativo di frenarne l'attività".

Conclude Losappio, alludendo sempre al ministro Raffaele Fitto: "Dopo il risultato elettorale c'è da augurarsi un qualche cambiamento e anche una maggiore determinazione degli esponenti del Pdl a difendere la propria terra da decisioni governative così dannose. Cosa farà l'amministrazione provinciale di Foggia per difendere la riserva marina e il rapporto turismo-beni naturali che fa delle Tremiti un punto di riferimento mondiale? Come reagiranno i parlamentari europei del Pdl che si sono rivolti alla Commissione Europea? E qualcuno dei tanti onorevoli e senatori pugliesi vorrà chiedere conto ai ministri ed al Presidente del Consiglio italiano?".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento